Russi, si è spento l'assessore Vittorio Mascalchi

Russi, si è spento l'assessore Vittorio Mascalchi

Russi, si è spento l'assessore Vittorio Mascalchi

RUSSI - La morte improvvisa di Vittorio Mascalchi lascia un grande vuoto nell'Amministrazione comunale di Russi dove egli era entrato dal 18 settembre su invito del sindaco Sergio Retini. Uomo al di sopra della vita dei partiti, era stato scelto per la grande esperienza in campo culturale e amministrativo maturata a Bologna, alla direzione dell'Accademia di Belle Arti. E fin dalle prime giunte egli aveva mostrato grande partecipazione e attenzione alle problematiche della città.

 

Una sola la seduta di Consiglio comunale cui è intervenuto, quella del 28 settembre scorso. "So di aver perso un amico una persona che sapeva farsi voler bene, - dice Retini - di tanta esperienza e di grande spessore culturale, artistico, ma nello stesso di una umiltà disarmante, di una vitalità sorprendente e coinvolgente. Generoso verso la sua città adottiva, ha accolto con grande entusiasmo la proposta di ricoprire il ruolo d'assessore nel quale si era calato con grande disponibilità e tanti progetti da realizzare, manifestando una particolare sensibilità e attenzione verso i giovani. Purtroppo, oggi Vittorio non è più tra noi. Mi unisco ai suoi cari nel dolore e porgo loro le più sentite condoglianze a nome di tutta la Città".

 

Del malore di Mascalchi evidenziatosi nella giornata di giovedì 14, il sindaco è stato informato dai familiari nella mattinata di venerdì e con loro è stato in costante contatto per tutta la giornata. Fino al tragico epilogo intorno alle 20. Ha quindi espresso le più sentite condoglianze, a nome suo personale e dell'intera Giunta e cittadinanza. Il funerale si terrà lunedì 18 alle 15.30 nella chiesa Arcipretale di piazza Farini a Russi. Per chi volesse rendere omaggio alla salma è esposta presso la camera mortuaria dell'ospedale Morgagni di Forli.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -