Sabato il via ai saldi. Confesercenti: "Imprenditori preoccupati"

Sabato il via ai saldi. Confesercenti: "Imprenditori preoccupati"

Sabato il via ai saldi. Confesercenti: "Imprenditori preoccupati"

Da sabato 3 luglio in Emilia-Romagna iniziano i saldi estivi, che dureranno fino a sabato 4 settembre. "Le attese non sono positive e il clima tra gli imprenditori è di preoccupazione - affermano da Confesercenti regionale - per la situazione economica, ma si spera in un recupero almeno parziale delle vendite". In Emilia Romagna nel 2009 sono 12.497 gli esercizi commerciali del settore moda, con un calo di 100 unità rispetto al 2008. Qualità, correttezza, trasparenza e cortesia.

 

Queste le raccomandazioni della Fismo-Confesercenti agli operatori del settore. Per i consumatori i consigli sono quelli di sempre: rivolgersi ai negozi di fiducia, controllare la merce ed il rispetto degli sconti annunciati; diffidare dei super-sconti poiché chi promette il 70/80% in meno non può garantire serietà e qualità ed utilizza i saldi come specchietto per le allodole dopo aver venduto prodotti scontati tutto l'anno.

 

"Quest'anno il fattore meteorologico, aggiunto alla crisi - dichiara Roberto Manzoni, Presidente Confesercenti Emilia-Romagna e Presidente nazionale Fismo, (Federazione settore moda)- hanno provocato un calo sostanzioso di vendite e i commercianti sono sfiduciati che si possano recuperare nella stagione dei saldi le mancate vendite della prima parte dell'anno. Di fatto l'estate è appena arrivata e già iniziano i saldi, credo che si debba ripensare alla collocazione temporale dei saldi e spostarli più avanti facendoli coincidere con la fine della stagione e non con l'inizio. Anche in questa occasione la serietà sarà ripagata dalla fiducia dei clienti a quegli imprenditori che durante tutto l'anno propongono prezzi, servizi, assortimenti di prodotti rispondenti ai bisogni veri dei consumatori."

 

Da un'indagine nazionale condotta dalla Fismo, tra i propri iscritti, risulta che nel primo semestre del 2010 si è registrato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un calo delle vendite compreso tra il 15 ed il 20 per cento. Dati alla mano e condizioni meteo che certo non hanno influito positivamente sull'andamento delle vendite in questo inizio di stagione, i commercianti si avvicinano all'apertura dei saldi con scarse attese. Mentre infatti solo lo scorso anno oltre il 50% degli addetti ai lavori parlava di buone prospettive, l'80%, interpellato dalla Fismo, si è detto quest'anno sfiduciato, scettico ed incerto circa il risultato delle prossime vendite promozionali (che negli anni passati hanno rappresentato iln26% del fatturato complessivo degli esercizi di abbigliamento e calzature).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -