Saludecio, successo per il weekend dedicato al Beato Amato Ronconi

Saludecio, successo per il weekend dedicato al Beato Amato Ronconi

SALUDECIO - Ha riscontrato un importante successo tra il pubblico di studiosi, appassionati e curiosi, il weekend che il Comune di Saludecio - in collaborazione con l'Associazione culturale "Identità Europea" - ha voluto dedicare alla straordinaria figura storica e culturale del Beato Amato Ronconi, patrono di Saludecio e pellegrino sulle strade dell'Europa medievale verso Santiago di Compostela.

 

Il titolo del progetto pluriennale che ha preso il via proprio il 29 e 30 maggio è  "Il pellegrino delle stelle" e il ricco programma è stato molto apprezzato dagli intervenuti - che hanno affollato il teatro G. Verdi e gli altri spazi dedicati all'iniziativa - sia per il suo alto livello, sia per  l'interesse suscitato.

 

Ha accolto nomi di spicco il convegno del 29 maggio dal titolo "Dal Beato Amato a Santiago di Compostella", al quale hanno preso parte la professoressa Silvia Bernardi, il prof. Adolfo Morganti, il prof. Franco Cardini le dottoresse Franca Bordoni e Chiara Forlani, che insieme hanno sviscerato il mondo del Beato Ronconi e del pellegrinaggio in generale da un punto di vista storico, culturale e religioso.

 

Apprezzata poi anche la "Mensa del Pellegrino", cena accompagnata dalle letture di Roberto Caminiti tratte da "Il pane dei Santi", come molto seguita è stata la visita guidata ai luoghi più suggestivi del paese, legati al beato: "Nello spirito del pellegrino: dal Museo del Beato all'Hospitale", visita che è partita dalla Chiesa di San Biagio e dal Museo di Saludecio e del Beato Amato Ronconi, per passare alla fonte recentemente ristrutturata dove i pellegrini si abbeveravano, fino all'Oratorio del Beato Amato, dove egli fondò l'Hospitale.

 

La serata di domenica si è conclusa con lo straordinario "Cantico del pellegrino", suggestivo concerto di musica medievale all'interno della Chiesa dei Girolomini, a cura del gruppo musicale romano "Viatores musici".

 

"E' stata un'iniziativa dal livello altissimo - afferma Gigliola Fronzoni, assessore alla cultura del Comune di Saludecio - a partire dal convegno, che ha ospitato esimi studiosi, fino al concerto finale: tutti elementi di spicco per il nostro Comune. Ma questo evento non sarà che il primo mattone di un progetto pluriennale fondamentale per Saludecio da un punto di vista religioso, storico e culturale. Nei prossimi anni infatti si moltiplicheranno gli studi e faremo in modo che questo progetto cresca sempre di più".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -