Saludecio: tre giorni di festa tra sacro e profano

Saludecio: tre giorni di festa tra sacro e profano

SALUDECIO - Sono appena trascorse le belle giornate dedicate a SalusErbe, che il bel borgo di Saludecio si appresta ad ospitare un'altra serie di importanti iniziative.

 

Prima fra tutte la tradizionale ricorrenza legata ai festeggiamenti religiosi in onore del Beato Amato Ronconi, patrono del paese. L'8 maggio, infatti, ricorre la Festa del Beato Amato, evento religioso solenne che accoglie ogni anno un vasto numero di fedeli a commemorare la vita e l'operato del saludecese Amato Ronconi (1226 - 1292), vissuto nell'ultimo scorcio del XIII secolo. Pellegrino per ben quattro volte al Santuario di Santiago de Compostela, beatificato nel ‘700. A lui si deve la fondazione di un hospitale per i pellegrini che si recavano a Roma in quella che fu la sua abitazione, e che oggi mantiene la vocazione originaria essendo diventata sede di una casa di riposo per gli anziani.  Il Santuario a lui dedicato, all'interno della Chiesa Parrocchiale di San Biagio (in prossimità di Porta Marina), conserva miracolosamente il corpo del Beato. Il 7 maggio, la vigilia del dies natalis, alle 21.00 si svolgerà la tradizionale fiaccolata che porterà in processione l'immagine del Beato dalla chiesa parrocchiale fino alla casa natale, ora sede della casa di riposo per anziani. L'8, giorno deputato alla festa religiosa, sarà celebrata la Santa Messa da tutti i parroci della zona, con lo svolgimento della S. Messa Solenne alla ore 11.00.

 

Accanto a questa celebrazione che raccoglie pellegrini da tutta Italia, un'altra giornata di festa caratterizzerà il maggio saludecese. Sabato 10 infatti sarà inaugurata ufficialmente, alla presenza delle autorità civili e militari, la splendida Via Roma, corso centrale del borgo fortificato che ha recentemente subito importanti lavori di riqualificazione. Grazie, infatti, al sostegno economico della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Rimini e all'impegno dell'Amministrazione comunale, sono giunti a termine i lavori di uno dei tratti più significativi del capoluogo di Saludecio. In questo modo l'Amministrazione ha concretizzato l'impegno assunto con i propri cittadini di salvaguardare il patrimonio storico-artistico, avendo a cuore la crescita e il rilancio dell'intero paese. L'appuntamento sarà alle 16.30 a Porta Montanara per il classico taglio del nastro. Una volta percorsa tutta la via ci si fermerà nella centrale piazza Beato Amato per il rinfresco di rito. A sera allieterà i presenti la Banda di Corbordolo, una delle più famose del territorio.

 

Per finire, domenica 11 sarà la volta del più popolare degli eventi saludecesi: la Sagra della porchetta, giunta ormai alla 47a edizione. Organizzata dalla Pro loco è, come sempre, un invito a riscoprire i sapori e le tradizioni dell'entroterra romagnolo. A partire dal mattino e fino a sera, grandi e piccini potranno divertirsi curiosando tra le bancarelle di prodotti tipici, delizie per il palato, porchetta e non solo, per poi passeggiare nel variopinto mercatino dove faranno bella mostra l'artigianato, le piante, l'oggettistica e l'abbigliamento. Alle ore 10.30 sarà la volta dell'arrivo della Processione proveniente da Tavullia. Una tradizione antica, risalente alla metà del 1800 e considerata come scambio di cortesie tra le parrocchie confinanti di Saludecio e Tavullia. Tanti punti ristoro per i golosi e tanta musica dal vivo faranno da contorno ai festeggiamenti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -