Salute: 14 febbraio 2011, prima Giornata europea dell'epilessia

Salute: 14 febbraio 2011, prima Giornata europea dell'epilessia

La prevenzione, il percorso diagnostico-terapeutico, la continuità dell'assistenza socio-sanitaria, la promozione della salute. La Regione Emilia-Romagna ha recentemente approvato le linee guida rivolte alle Aziende sanitarie per l'organizzazione dell'assistenza alle persone con epilessia (circa 22.000 in Emilia-Romagna). Il provvedimento costituisce un'ulteriore tappa nello sviluppo dell'assistenza integrata in Emilia-Romagna e, più in generale, del sostegno alla piena cittadinanza della persona con epilessia.


Il 14 febbraio è la prima Giornata europea dell'epilessia, che ricorre nel momento di uno storico traguardo: il riconoscimento di casi di guarigione da questa patologia (Decreto ministeriale del 30 novembre 2010, che recepisce una direttiva comunitaria). La Giornata è l'occasione per parlare di una patologia che colpisce adulti e bambini e necessita di una presa in carico globale della persona, e per fare i conti con pregiudizi culturali, tuttora diffusi. Il 14 febbraio offre dunque l'opportunità per sensibilizzare i cittadini sulla patologia e per comunicare a chi ne è affetto che non è solo.


Le linee guida (delibera di giunta 2073/2010) impegnano le Aziende sanitarie a sviluppare, in modo omogeneo su tutto il territorio regionale, una rete integrata dei servizi per l'assistenza. A partire dagli interventi di prevenzione: per ridurre l'incidenza della patologia e per ridurne la prevalenza sulla base dell'appropriatezza e della precocità della presa in carico della persona. Tale impegno di prevenzione è rivolto inoltre a combattere le conseguenze della patologia e l'emarginazione sociale: si basa sui principi della "qualità della vita" e costituisce tuttora uno degli aspetti più trascurati nella gestione della persona con epilessia. Per quanto riguarda l'aspetto diagnostico-terapeutico, il documento definisce il percorso che le Aziende sanitarie devono individuare per la gestione nell'emergenza delle crisi epilettiche (a partire dai Pronto soccorso) e i requisiti delle strutture per l'assistenza ordinaria. Il Centro di riferimento regionale per la gestione della terapia chirurgica è individuato nel Polo delle scienze neurologiche dell'Ospedale Bellaria di Bologna (recentemente riconosciuto come  Irccs - Istituto per le scienze neurologiche di Bologna).


Nel documento sono inoltre definiti i percorsi per la continuità dell'assistenza socio-sanitaria, sia tra le strutture del territorio e gli ospedali, sia nell'elaborazione del programma individuale di presa in carico della persona, in particolare, rispetto all'inserimento a scuola o nel mondo del lavoro e per le attività di riabilitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Le linee guida sottolineano la necessità da parte delle Aziende sanitarie di sviluppare iniziative/interventi (a partire dalla formazione degli operatori) per supportare la vita individuale della persona con epilessia e la sua famiglia, sia dal punto di vista emotivo-relazionale, sia per una migliore conoscenza e gestione quotidiana della patologia e dei percorsi amministrativi (per esempio, riconoscimento della disabilità, esenzione ticket, patente automobilistica). La rete dei servizi sanitari e socio-sanitari può contare sulla collaborazione costante dell'Associazione italiana contro l'epilessia (Aice), che riunisce le persone malate e i loro famigliari, e della società scientifica Lega italiana contro l'epilessia (Lice), che riunisce a livello nazionale i medici esperti in questo campo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -