San Clemente, approvato il piano urbanistico della nuova Area produttiva di Sant’Andrea

San Clemente, approvato il piano urbanistico della nuova Area produttiva di Sant’Andrea

SAN CLEMENTE - Il Consiglio comunale di San Clemente nella seduta del 4 novembre ha definitivamente approvato il Piano urbanistico che regolerà lo sviluppo della nuova area produttiva ecologicamente attrezzata di Sant'Andrea in Casale.

 

È un giorno importante, storico per il Comune di San Clemente e per l'intera vallata del Conca. Si conclude una fase iniziata oltre tre anni fa, una fase che ha visto il Comune di San Clemente e la Provincia di Rimini ripercorrere tutte le fasi per la redazione del nuovo accordo di programma che ha previsto le varie caratteristiche di questa nuova area. Passando per l'adeguamento alle nuove normative regionali e alla redazione del Piano urbanistico di dettaglio oggi si consegna uno strumento idoneo a recepire le richieste di svariate imprese di delocalizzazione, trasferimento ed ampliamento.

 

"Crediamo di aver fatto un buon lavoro, - commenta il sindaco D'Andrea - preciso, dettagliato, puntuale, che possa rispondere alle necessità delle imprese e che possa conciliarsi anche con la crescita di Sant'Andrea in Casale, del suo centro e delle sue attività. Il nostro compito non è ovviamente quello di riuscire a governare il mercato ma quello di offrire le possibilità e le opportunità di crescita. Sono ormai diversi anni che tutte le associazioni di categoria, da quelle industriali a quelle artigianali, lamentano la mancanza di spazi idonei per potere investire. Oggi cominciamo a rispondere a questa necessità con la prospettiva di un'area ben strutturata, ben inserita nel territorio e ben collegata, grazie anche alla recente emissione della gara di appalto per il nuovo ponte sul fiume Conca".

 

L'area si sviluppa su un comprensorio di circa 67 ettari, pressoché pianeggianti, posizionato alle spalle del centro abitato, direttamente accessibile dal nuovo tracciato della strada provinciale che collegherà in pochi minuti, una volta realizzato il nuovo ponte sul fiume Conca, l'area produttiva al casello A14 di Cattolica-San Giovanni.

 

Quest'area produttiva è classificata come Area Ecologicamente Attrezzata in base alle vigenti normative regionali e nazionali. Dispone quindi di un equipaggiamento infrastrutturale notevole, anche dal punto di vista dei sistemi di comunicazione, trasmissione dati e risparmio energetico.

 

I dati previsti dal PUA

- Comparti produttivi: 46 lotti; superficie utile mq 155.220, ampliabili fino a mq 176.400 con meccanismi incentivanti di varia natura.

- Comparto direzionale e servizi: 4 lotti; superficie utile mq 44.103.

- Aree residenziali: 14 lotti; superficie utile mq 13.446.

 

Il Centro servizi per l'impresa, integrato da alcune strutture di servizio pubblico, sarà destinato all'insieme di attività di supporto all'impresa e alle attività connesse: attività terziarie specializzate; artigianato dei servizi alla persona, alla casa, ai beni di produzione, alle imprese; attività di servizio, servizi sociali di base; istruzione superiore e universitaria; attività ricettive alberghiere e alle attività commerciali di vicinato con un massimo di 1500 mq di superficie di vendita. Inoltre, è previsto che possano localizzarsi nel centro servizi quelle attività di esposizione e diretta commercializzazione dei propri prodotti da parte di imprese manifatturiere.

 

Una volta completata l'area produttiva San Clemente avrà un ruolo economico-sociale centrale e trainante nell'ambito della Valconca con enormi benefici occupazionali e di servizi per tutta la comunità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -