SAN CLEMENTE - Ponte sul Conca, partono gli espropri

SAN CLEMENTE - Ponte sul Conca, partono gli espropri

RIMINI - Gli interventi sulla SP 17, con la costruzione del Ponte sul fiume Conca, sono opere troppo importanti ai fini di un riassetto della viabilità nella zona sud della provincia per rischiare una nuova battuta d’arresto, proprio ora, peraltro, che si è ad un passo dall’approvazione del progetto esecutivo e vi sono le risorse (10 milioni di euro il costo dell’infrastruttura) per aprire i cantieri.


L’assessore ai Lavori pubblici della Provincia, Alberto Rossini, davanti ad una platea di cittadini di San Clemente, chiamati in assemblea dal sindaco Christian D’Andrea, ha così motivato l’intenzione dell’Ente di avviare l’iter di esproprio, con procedura d’urgenza, dei terreni sui quali dovrebbero essere realizzate le opere. Una misura che si rende necessaria a fronte del rifiuto, da parte di alcuni proprietari delle aree di pervenire ad un accordo bonario, come proposto dalla Provincia.


Pertanto, una volta che l’apposita conferenza dei servizi, la cui convocazione è prevista entro breve tempo, avrà dato disco verde al progetto definitivo, con il timbro della pubblica utilità, saranno inviate comunicazioni ufficiali ai cittadini interessati ai quali sarà notificata la decisione di iniziare le procedure espropriative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Anche in questa fase – ha dichiarato l’assessore Rossini – vi sono i margini per un’intesa, purché essa avvenga su basi congrue e condivise da tutti”.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -