San Marino: diminuiscono furti e rapine

San Marino: diminuiscono furti e rapine

SAN MARINO - Si è svolta venerdì a Palazzo Begni la consueta conferenza stampa annuale tenuta dal Segretario di Stato agli Affari Esteri e dal Comandante della Gendarmeria per informare circa la situazione della sicurezza a San Marino. I dati statistici fanno riferimento al periodo gennaio-settembre 2009, ulteriormente suddiviso in due intervalli temporali, gennaio-maggio e giugno-settembre, per meglio evidenziare l'incidenza di comportamenti criminosi nel periodo estivo.

 

I dati del 2009, confrontati con i precedenti del 2008 relativi allo stesso spazio di tempo e ricavati applicando criteri e modalità valutative omogenee, registrano una sensibile diminuzione; il trend è dunque positivo se si considera anche l'aumento della popolazione. Qualche dato sui furti, che comprendono la sottrazione di oggetti da appartamenti, aziende e automobili; se nel 2008 i furti registrati hanno toccato il picco con 226 casi, nel 2007 erano 178 e quest'anno sono scesi a 174, diminuendo, in totale, di circa il 25%. Inoltre, nonostante il generale decremento, la consistenza è maggiore per i furti su beni (ad es. razzie nelle automobili) piuttosto che di beni.

 

Un ulteriore aspetto positivo evidenziato riguardo alle intrusioni illecite nelle abitazioni, esse in genere avvengono in assenza degli inquilini. Se da un lato questo appare rassicurante per le modalità certamente meno traumatiche messe in atto, dall'altra presuppone una certa attività organizzativa e di controllo da parte dei malviventi che la Gendarmeria non può trascurare nell'attività di sorveglianza del territorio. Nel periodo preso a riferimento sono inoltre diminuite le rapine e non si sono registrati casi di minori incarcerati.

 

Si tratta di buoni risultati - come ha dichiarato il Comandante Zechini - che danno prova del lavoro che le forze di polizia stanno conducendo. Zechini ha precisato come si tratti di eventi comunque contenuti, che destano però un forte allarme sociale in quanto modificano la percezione del reale, aggravandola. Lo sforzo della Gendarmeria, pertanto, dovrà sempre più concentrarsi per far sì che la percezione della sicurezza nella popolazione prosegua di pari passo con i riscontri effettivi di comportamenti criminosi.

 

Da parte sua il Governo, per voce del Segretario Mularoni, ha ribadito l'impegno a lavorare per realizzare una sempre più ampia cooperazione fra i diversi Corpi di polizia e una migliore organizzazione all'interno di essi. E' inoltre recente l'assunzione in organico di alcuni allievi che sono andati a potenziare gli uffici della Gendarmeria, ed il reclutamento di ulteriori dieci allievi gendarmi.

 

Infine, qualche numero sui controlli di presenze irregolari in territorio; nell'intero 2007 la Gendarmeria aveva revocato 18 permessi di soggiorno/residenza; il numero è più che raddoppiato nel 2008, per giungere a 49 revoche nei primi nove mesi di quest'anno. Tale risultato è dovuto anche al raddoppio del personale dedicato negli ultimi mesi a questo settore.  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -