San Marino, pronta la prima parte della riforma fiscale: è l'eredità di Gatti

San Marino, pronta la prima parte della riforma fiscale: è l'eredità di Gatti

San Marino, pronta la prima parte della riforma fiscale: è l'eredità di Gatti

SAN MARINO - "Una scelta giusta, indotta ma necessaria". Il segretario di Stato Gabriele Gatti abbandona la poltrona delle Finanze, lasciando in eredità al Paese la prima tranche della riforma fiscale. Oltre 40 articoli, che contribuiscono da un lato "a dare risposte all'Italia sul fronte della trasparenza", dall'altro allo sviluppo del Titano, attraverso una "fiscalità moderna e agile". Sarà introdotto, per esempio, il reato per la falsa fatturazione.

 

Tra le altre misure la fiscalita' delle persone fisiche e il quoziente familiare; saranno fissati nuovi regimi fiscali per le aziende, per le holding, per i brevetti; verra' riformato il contenzioso e introdotta la tassazione sui redditi prodotti all'estero. Verra' inoltre creata una task force nei corpi di polizia che agisca come nucleo antifrode.

 

Dunque "una serie di norme per rendere la tassazione piu' appetibile e per garantire una maggiore equita' fiscale". L'ufficialita' dell'abbandono di Gatti, e magari del suo sostituto, potrebbero arrivare solo in serata, al termine della riunione tra governo e maggioranza. Ma e' l'inquilino di Palazzo Begni a togliere ogni dubbio durante la conferenza stampa che segue la riunione dell'esecutivo: "Saro' segretario di Stato fino al prossimo Consiglio grande e generale facendo il massimo.

 

Dopo ci sara' un'altra persona che avra' il mio appoggio". Nessun ripensamento, dunque, sulle dimissioni, perche' occorre "fare di tutto perche' il Patto vada avanti e risolva le problematiche; e perche' termini il chiacchiericcio politico che non interessa i sammarinesi. Tutti nella maggioranza devono lavorare in questa direzione".

 

Gatti abbandona lasciando un'eredita' importante, il primo articolato della riforma fiscale che oggi sara' presentato alla maggioranza e che dovrebbe offrire nuove opportunita' per le imprese che intendono venire a San Marino. Da una fiscalita' a misura di azienda agli obblighi di registrazione; dalla dichiarazione dei redditi telematica all'imposta di bollo virtuale; dalla riforma del sistema delle sanzioni alla revisione della legge sul Clo e sui servizi di vigilanza, sono davvero tante le novita' che verranno introdotte.

 

Fino, spiega Gatti, all'ipotesi di un "sistema misto che prevede la monofase per il commercio al dettaglio e l'Iva per tutto il resto delle attivita'". Alle forze di polizia sara' permesso partecipare all'attivita' di vigilanza e verra' anche istituto un forum permanente sulla fiscalita'. Il tutto per fare piacere anche all'Italia. Si tratta di "una riforma fiscale rivoluzionaria, che introduce strumenti innovativi ma anche maggiori controlli", commenta il segretario di Stato per l'Industria, Marco Arzilli, sottolineando come "le dichiarazioni di Gatti siano un atto importante per il Paese".

 

E annunciando che a breve sara' pronta la nuova legge per il rilascio delle licenze: per chi incappa in una revoca non sara' possibile per almeno un anno aprire un'altra attivita'. (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -