SANITA’ – Bartolini (AN): “E’ necessario salvaguardare l’attività del nosocomio di Forlì”

SANITA’ – Bartolini (AN): “E’ necessario salvaguardare l’attività del nosocomio di Forlì”

FORLI’ - In una recente assemblea con la Direzione generale dell'Ausl di Forlì i medici dell'Anaao (Associazione medici dirigenti) avrebbero rappresentato "per l'ennesima volta, un profondo stato di disagio riconducibile a carenze di organici, all'introduzione del sistema informativo, ai ritmi di lavoro caotici e alla crescente funzione burocratica richiesta", che si sarebbe determinato nell'ultimo anno.


È quanto segnala in un'interrogazione Luca Bartolini, di alleanza nazionale, il quale riferisce che durante i lavori dell'assemblea il Direttore Generale dell'Ausl di Forlì avrebbe ventilato una proposta di riduzione delle attività ospedaliere in particolare per quanto riguarda le prestazioni a pazienti provenienti da altre città o Regioni.

Per il l'esponente di an si tratterebbe di una scelta "grave e autolesionistica" per gli interessi del territorio e in "palese contrasto" con gli investimenti in sviluppo tecnologico fatti nell'ultimo decennio: "l'ennesimo colpo mirato a smantellare il sistema sanitario forlivese che si sta sempre più sottomettendo agli interessi delle aziende ed enti vicini, in particolare a quella ravennate, andando ad affossare definitivamente l'importante lavoro svolto in passato dalla precedente Direzione generale."


"Anche la non definizione dei carichi di lavoro e la mancata negoziazione con i medici dei budget - sottolinea ancora il documento - evidenziano ulteriormente la mancanza di volontà di investire nella direzione di un arricchimento delle professionalità interne e per un ottimale utilizzo delle strutture e delle tecnologie disponibili."


Il consigliere di an vuole dunque sapere dalla Giunta quali "urgenti e indifferibili" provvedimenti intenda assumere riguardo a quanto lamentato dai medici dell'Anaao e quali siano le ragioni alla base di proposta della Direzione dell'Ausl di Forlì "che andrebbe ad avvantaggiare le Ausl confinanti, senza far arricchire il servizio e di conseguenza indurrebbe i cittadini di Forlì a cercare servizi di maggiore qualità in altre strutture".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerando "quanto mai avvilenti nei confronti del personale medico e paramedico proposte che vanno a ridurre attività di eccellenza, come quelle espletate nel nosocomio forlivese", Bartolini chiede infine all'esecutivo di viale Aldo Moro "se concordi nel ritenere che nelle gestioni ospedaliere della Regione la valorizzazione del personale medico, paramedico ed infermieristico debba essere esercitato esclusivamente in base alle competenze professionali e non all'appartenenza politico-partitica."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -