SANITA' - All'Irst di Meldola, imprenditori in visita per l'acquisto del macchinario per la tomoterapia

SANITA' - All'Irst di Meldola, imprenditori in visita per l'acquisto del macchinario per la tomoterapia

MELDOLA - La Tomoterapia, ovvero la generazione di radioterapia più innovativa al mondo che combina in un solo apparecchio la precisione diagnostica di una TAC, con un trattamento radiante che distrugge selettivamente i tessuti tumorali, evitando danni ai tessuti sani circostanti.

E’ per l’acquisto di questa apparecchiatura, dal costo di circa tre milioni e mezzo di euro, che si sono riuniti oggi, presso l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo studio e la cura dei tumori di Meldola, un gruppo di imprenditori locali.

L’iniziativa per la costituzione di un comitato per l’acquisto del macchinario per la tomoterapia si è aperta con la presentazione della struttura dell’IRST a cura del prof. Dino Amadori, Direttore Scientifico dell’IRST e del dott. Claudio Mazzoni, Direttore dell’AUSL di Forlì. Erano presenti anche il Presidente dell’Irst, Massimo Bucci, il presidente della Camera di Commercio, Sergio Mazzi, il sindaco di Meldola, Loris Venturi, e Graziano Rinaldini, Presidente di Formula Servizi.

“La Romagna è la zona dove si registra la sopravvivenza più alta in Europa a cinque anni dalla diagnosi di tumore alla mammella – ha spiegato il prof.Amadori – ma per mantenere questi standard elevatissimi occorre fare ricerca. La qualità dei servizi è sempre proporzionale all’investimento in ricerca. Ricerca che, all’Irst di Meldola, si articolerà nei settori: epidemiologico, clinico, farmacologico e biologico.”

“La tomoterapia di cui intendiamo dotare l’Irst, con il contributo dei nostri imprenditori locali – prosegue il direttore scientifico - rappresenta il futuro della radioterapia perché è in grado di somministrare le radiazioni con un’accuratezza senza precedenti, risparmiando gli organi sensibili anche se molto vicini all’area da irradiare. Questa tecnologia, installata in Italia solo all’Istituto Oncologico di Aviano e all’IRCCS San Raffaele di Milano, consentirà di elevare lo standard di cura in ambito radioterapico per tutti i cittadini della Romagna, oltre a garantire la ricerca e l’innovazione tecnologica in radioterapia.”

L’Istituto di Meldola verrà inaugurato approssimativamente nel luglio 2007, mentre le degenze verranno trasferite dal 1 settembre 2007.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Irst sarà un centro di eccellenza , ma non sarà una struttura isolata – conclude il prof.Amadori prima di accompagnare gli imprenditori a visitare i locali dell’Istituto – farà invece parte della rete oncologica di Area Vasta Romagna.”


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -