SANITA' - Area Vasta Romagna, prosegue il cammino verso l'integrazione

SANITA' - Area Vasta Romagna, prosegue il cammino verso l'integrazione

CESENA – Replica dei direttori generali delle quattro Ausl romagnole alle notizie di stampa diffuse in questi giorni circa l’individuazione di coordinamenti professionali di Area Vasta Romagna. “Il documento di intenti siglato tra i presidenti delle conferenze territoriali sociali e sanitarie – spiegano Maria Basenghi (Cesena), Claudio Mazzoni (Forlì), Tiziano Carradori (Ravenna) e Marcello Tonini (Rimini) -, le organizzazioni sindacali confederali e le direzioni generali delle Aziende sanitarie di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini, definisce diversi livelli di integrazione tra le Ausl. Tra questi, anche il livello di integrazione di tipo professionale, con l’obiettivo di promuovere le migliori pratiche assistenziali mediante l’istituzione di un sistema di reti cliniche integrate e la costituzione di gruppi professionali”.


Dunque secondo i massimi dirigenti della sanità romagnola i compiti affidati ai gruppi sono i seguenti: “definire criteri di organizzazione e di rotazione che assicurino adeguati livelli di qualità tecnica e di sicurezza garantendo al contempo un uso ottimale delle risorse professionali; definire criteri per la programmazione e la selezione delle prestazioni e dei servizi sanitari da commissionare ai soggetti privati accreditati nonché le caratteristiche di qualità che devono essere esplicitate nei contratti di fornitura; concorrere alla definizione delle caratteristiche tecniche del materiale sanitario e delle tecnologie la cui acquisizione è prevista in unione tra le Aziende di Area Vasta anche al fine di rendere la dotazione omogenea su tutte le sedi erogative; individuare le problematiche sanitarie rare e/o che necessitano di un sistema tecnico sofisticato, il cui trattamento è opportuno sia concentrato in una sede e/o su un gruppo professionale, al fine di ottimizzare le risorse ed evitare inutili e dannose ridondanze”.


I gruppi professionali, composti dai direttori di unità operativa e/o da professionisti indicati dalle aziende sanitarie, sono guidati da un coordinatore al quale spetta anche la responsabilità della elaborazione dei rapporti e delle linee guida.


Questi i gruppi professionali attivati e i relativi coordinatori:

  1. Dermatologia – Dott. Arcangeli (Ausl Cesena)
  2. Nefrologia – Dott. Cagnoli (Ausl Rimini)
  3. Medicina Trasfusionale - Dott. Chicchi (Ausl Rimini)
  4. Romagna Soccorso – 118 – Dott. Corsi (Ausl Rimini)
  5. Radioterapia – Dott. Emiliani (Ausl Ravenna)
  6. Chirurgia Generale – Dott. Garcea (Ausl Forlì)
  7. Radiologia – Dott. Ginevra (Ausl Ravenna)
  8. Neuroadiologia – Dott. Pasquini (Ausl Cesena)
  9. Riabilitazione – Dott. Naldi (Ausl Cesena)
  10. Cardiologia – Dott. Piovaccari (Ausl Rimini)
  11. Pneumologia ed endoscopia toracica – Dott. Poletti (Ausl Forlì)
  12. Neurologia – Dott. Rasi (Ausl Ravenna)
  13. Patologia clinica – Dott. Ceroni (Ausl Ravenna)
  14. Ematologia – Dott. Zaccaria (Ausl Ravenna)
  15. Pediatria – Dott.ssa Della Casa (Ausl Forlì)
  16. Percorso nascita – Dott. Gori (Ausl Forlì) e Sig.ra Danieli (Ausl Rimini)
  17. Dipendenze Patologiche – Dott. Polidori (Ausl Ravenna)
  18. Assistenza Infermieristica – Dott.ssa Santullo (Ausl Rimini)
  19. Medicina Interna – Dott. Corvetta (Ausl Rimini)
  20. Sanità Pubblica – Dott. Salizzato (Ausl Cesena)
  21. Anatomia Patologica – Dott. Brisighotti (Ausl Rimini)


“I coordinatori dei gruppi – spiegano ancora i quattro direttori generali - sono stati individuati dal coordinamento dei Direttori Generali tra i professionisti che hanno acquisito una comprovata competenza nelle aree di riferimento, nel rispetto anche del principio di equità distributiva tra i territori dell’Area Vasta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il modello delle reti integrate è peraltro già stato positivamente sperimentato in Area Vasta; ne sono testimonianza la rete oncologica romagnola affidata da tempo al prof. Dino Amadori e il SIAT (Sistema Integrato di Assistenza ai Traumi) già coordinato dal Dott. Franco Servadei.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -