Sanremo, i giovani: Fabrizio Moro

Sanremo, i giovani: Fabrizio Moro

FABRIZIO MORO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fabrizio Moro, giovane cantautore romano, nasce il 9 aprile 1975.
Talento naturale e precocissimo inizia a suonare la chitarra da autodidatta, scoprendo una naturale vocazione per la musica.
Musica che gli permette di vivere in pieno la dimensione della borgata che, per lui rappresenta una forza piuttosto che un impedimento, tanto che proprio l'esperienza della “ periferia urbana” fornisce l'ispirazione ai testi delle sue canzoni, dense di personaggi di quella realtà.

Le sue canzoni sono una serie di fotografie, di immagini in sequenza di disagi quotidiani, di vicende soprattutto autobiografiche, per raccontare a suo modo nient'altro che la vita. Per anni si esibisce live con numerose giovani band in locali e pub, presentando un repertorio rock-pop insieme a brani dei Doors, Guns'n'Roses e U2.

Nel 1996 pubblica il suo primo singolo “Per tutta un’altra destinazione”.
Nel 2000 esce il suo primo album e porta il suo stesso nome. Un lavoro dai colori e arrangiamenti essenziali, tipici di un tempo in cui le dinamiche strumentali erano ristrette ai ruoli chiave della ritmica. Questa trama musicale, abilmente diretta da lui stesso e dalla band con cui lavora da anni, crea gli spazi giusti per la libera espressione della sua voce, di intensa ed originale personalità. Nello stesso anno partecipa nella sezione giovani al Festival di Sanremo, con "Un giorno senza fine", un brano di forte impatto rock.

Nel 2004 Fabrizio pubblica in lingua spagnola i singoli "Situazioni della vita" insieme a brani di Neffa, Alex Britti, Lucio Dalla, Claudio Baglioni e di altri big della canzone, nella compilation per il Sudamerica "Italianos para siempre" distribuita dalla Universal.

Il suo nuovo singolo "Eppure pretendevi di essere chiamata amore" (2004) è una “power ballad”, dagli arrangiamenti essenziali ma incisivi, “costruito” sulla ritmica di basso, batteria e chitarre. Il videoclip del singolo è stato anche in concorso al Fandango Festival 2004.

In autunno 2005 il nuovo singolo "Ci vuole un business" Ë utilizzato dalla Croce Rossa Italiana per campagne sociali.
Nello 2006 entra a far parte del team di Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani, con cui inizia a lavorare per la realizzazione del nuovo album.

Partecipa alla 57 ma edizione del Festival di Sanremo con “Pensa”, un brano di grande e forte intensità:
Il video di” Pensa” vanta alla regia la firma di Marco Risi. Girato interamente a Palermo con la partecipazione di 50 comparse, gli attori “di strada” del film “Mary per sempre” e con un la partecipazione “speciale” di Rita Borsellino.

L’uscita dell’album omonimo, prodotto da Bigazzi e Falagiani è prevista per il 1° Marzo su etichetta La Ciliegia/Warner Music.
Dieci tracce dove Fabrizio Moro grazie alla sua forte personalità e alla sua grande passione per la musica testimonia la costante evoluzione della sua ricerca cantautorale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -