Santa Rita, giovane in lacrime: ''il mio seno rovinato''

Santa Rita, giovane in lacrime: ''il mio seno rovinato''

Santa Rita, giovane in lacrime: ''il mio seno rovinato''

MILANO - La sua bellezza fisica è stata compromessa per sempre da interventi chirurgici. Operazioni, che secondo l'accusa, si sarebbero potute evitare. E' la testimonianza di una ragazza ascoltata in tribunale nell'ambito del processo milanese che ha al centro la casa di cura "Santa Rita" e gli interventi effettuati, secondo l'accusa, al solo fine di ottenere i rimborsi. "Brega Massone ha fatto incisioni sul mio seno per tre volte, senza ragioni mediche", ha affermato.

 

La giovane, che all'epoca dell'operazione aveva 28 anni, si è costituita parte civile nel processo che vede tra gli undici imputati Brega Massone, accusato di lesioni gravissime e truffa ai danni del sistema sanitario nazionale. La ragazza ha spiegato di esser stata operata per tre volte tra il 2004 ed il 2008, l'ultima al San Carlo dove si era trasferito Brega.

 

"Brega mi disse che c'era una formazione benigna che però poteva espandersi", ha spiegato la testimone, riferendosi alle dichiarazioni rese in aula dal chirurgo che ha parlato di "ragioni estetiche" riguardo agli interventi al seno.

"Non me le ha mai presentate queste ragioni - ha aggiunto - né io gli ho mai chiesto di operarmi per queste ragioni". La malcapitata ha poi affermato di essersi dovuta rivolgere a specialisti per la ricostruzione del seno.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -