Santa Sofia, Agrofertil. Nervegna denuncia le "menzogne" del sindaco Foietta

Santa Sofia, Agrofertil. Nervegna denuncia le "menzogne" del sindaco Foietta

SANTA SOFIA - "Con notevolissima faccia tosta il sindaco di Santa Sofia Flavio Foietta afferma che nella vicenda dell' inceneritore Agrofertil che bruciando la pollina poteva produrre energia elettrica il Comune s'è limitato a svolgere il ruolo di spettatore e che l'opposizione di centrodestra ha agito

in malafede e con ipocrisia cercando di strumentalizzare il malcontento della gente: si tratta di due clamorose e gravissime menzogne". E' l'attacco di Antonio Nervegna, consigliere regionale di Forza Italia-Pdl.

 

Secondo NErvegna sono dichiarazioni che "gettano luce sulla reale personalità del primo cittadino. Esistono prove cartacee che dimostrano come lo stesso  sindacoFoietta (che rifletteva sulle agevolazioni statali sull'energia prodotta da fonti rinnovabili  e bio masse) in realtà intendesse,

con il consenso della giunta comunale, far entrare l'amministrazione in questo business e  ricavarci un guadagno o in royalty o entrando addirittura come azionista della società di gestione al venticinque per cento".

 

"La questione dell'inceneritore è definitivamente chiusa, ammette, ma s'è arrivati a questa conclusione dopo una battaglia che ha visto  scendere in campo non soltanto i cittadini ma - da subito - anche le forze politiche come il Pdl che avevano avanzato fortissime perplessità sull'impatto ambientale dell'impianto nel timore che si arrecasse un danno  alla salute della popolazione della Valle del Bidente", attacca Nervegna.

 

"A più riprese e in tutte le sedi - ricorda Nervegna - avevamo chiesto verifiche incrociate e il pronunciamento degli enti pubblici e di controllo territorialmente interessati e questi si sono pronunciati con esasperato ritardo e non senza precedenti ambiguità. E soltanto dopo mesi di tempo la Conferenza dei Servizi ha espresso una decisione finale negativa".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'obiettivo delle forze politiche che hanno avanzato da subito perplessità - aggiunge - è quello di mantenere attivo il reparto avicolo e, allo sesso tempo, risolvere i problemi legati ad Agrofertil".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di hillibilly
    hillibilly

    Volevo agigungere una piccola nota per quanto riguarda il terremoto del 2003 e quindi la vicenda dei fondi ad esso legati, per evitare di dire cose inesatte: all'epoca il sindaco di S.Sofia non era Foietta ( a quei tempi era vicesindaco), ma uno dei suoi attuali consiglieri.

  • Avatar anonimo di hillibilly
    hillibilly

    Elefant1, mi auguro che tu stia scherzando. Nervegna ha ragione al 100%. Non ho mai visto amministrare così male S.Sofia come negli ultimi 5 anni. Devo elencare tutti gli articoli di giornale che sono usciti? - vedi fondi per il terremoto, caso agrofertil, vedi gestione personale del comune.... ecc Ultimamente il sindaco ha anche deciso di togliere il quotidiano "la voce" dalla biblioteca comunale. Nervegna ha perfettamente ragione, non fa illazioni prive di fondamento ma si parla di dati di fatto. Ho seguito la vicenda sull'inceneritore non parlo a vanvera.

  • Avatar anonimo di Elefant1
    Elefant1

    Credo proprio che Nervegna abbia preso un grosso abbaglio. Non è assolutamente corretto gettar fango su una persona come il Sindaco Foietta che tanto ha fatto per il bene della Comunità del suo paese e senza mai favoritismi di partito. E' stato eletto alla guida di una lista civica che ha ricevuto la fiducia anche di zoccoli duri della sinistra. Ha realizzato opere pubbliche e sociali che la giunta precedente in 30 anni di governo non aveva mai iniziato. Pensiamo all'Ospedale che doveva essere chiuso e per il quale si è battuto fino all'inverosimile, alla Casa di Riposo per Anziani che non serve solo Santa Sofia ma tutta la vallata fino a Forlì, e tante iniziative che gli hanno guadagnato la stima dei suoi concittadini e di chi conosce la sua persona. Quindi, prima di fare delle illazioni gratuite, ci si preoccupi di informarsi con serietà sui dati di fatto che tutto provano tranne interessi di parte e/o personali del primo cittadino di Santa Sofia.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -