Santa Sofia, emergenza profughi. Bartolini (PdL): "Il sindaco ha detto che arriveranno"

Santa Sofia, emergenza profughi. Bartolini (PdL): "Il sindaco ha detto che arriveranno"

Santa Sofia, emergenza profughi. Bartolini (PdL): "Il sindaco ha detto che arriveranno"

SANTA SOFIA - Il sindaco di Santa Sofia avrebbe avvisato, tramite i sms, i suoi consiglieri e assessori dell'arrivo di nuovi tunisini per fronteggiare l'emergenza libica. L'indiscrezione arriva dal consigliere regionale del PdL, Luca Bartolini, che sostiene come "Foietta avrebbe lasciato intendere che sul fronte tunisini non c'è ancora nulla di certo, ma che probabilmente un gruppo arriverà e che comunque lui da la disponibilità per non perdere magari qualche contributo".

 

"Probabilmente, come da noi denunciato ieri, i tunisini verranno ospitati presso la ex casa di riposo di Via Nefetti che, casualmente, ieri e oggi ha le imposte aperte dopo anni in cui risultavano chiuse.  Noi ribadiamo che  nella nostra presa di posizione sulla gestione dei profughi in ambito provinciale non c'è niente di clamoroso, ne tantomeno si critica la gestione della crisi umanitaria a livello governativo e regionale. Ognuno deve fare la sua parte, come è stato stabilità nell'accordo con le regioni" dice ancora l'esponente del PdL.

 

"Noi abbiamo solo detto e lo ribadiamo, che la Val Bidente ha già dato: un territorio che ha la più alta percentuale di immigrati a livello nazionale non può sopportare altre ondate migratorie, basta quindi collocare i profughi in realtà dove la presenza di immigrati è inferiore. Ci vuole un po' di buonsenso nel gestire la partita e per scegliere i siti dove ospitare i profughi la palla l'hanno in mano gli enti locali, non la Prefettura o il Governo".

 

"Il PDL - conclude Bartolini - ribadisce che vanno evitati Comuni  dove vi sono già percentuali record come nella valle del bidente dove gli immigrati sono già oltre il 20% senza considerare i clandestini o non censiti come il grave fatto recente di cronaca conferma visto che è stato arrestato un un nordafricano su cui pendeva un'ordinanza di custodia cautelare dal luglio scorso, ma che nonostante questo viveva tranquillamente a Civitella, dove aveva preso residenza. Se il Pd non fosse così preso dai suoi litigi interni a Civitella, Galeata e Santa Sofia, scontri che hanno fatto perdere il contatto con la realtà nell'Alto Bidente, i colleghi Alessandrini e Casadei, che ci contestano assieme al segretario provinciale Di Maio,  capirebbero di cosa stiamo parlando".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di ia
    ia

    A dir il vero nell'ex Casa di Riposo di S.SOfia da circa 4 anni ha sede la banda comunale..per questo motivo le imposte erano aperte...erano in corso le pulizie! :)

  • Avatar anonimo di minotauro
    minotauro

    caro Bartolini, dato che il tuo amico Pini pochi giorni fa ha detto che non sarebbero arrivati tunisini da noi,parlane con lui e mandate i tunisini a CASA SUA!!!!! SALUTI.

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    Inviare il comunicato stampa alla presidenza del consiglio -On. Sivio Berlusconi per conoscenza Ministro Roberto Maroni. Saluti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -