Sapro, Bartolini (Pdl): "Non ho mai avuto risposte"

Sapro, Bartolini (Pdl): "Non ho mai avuto risposte"

Sapro, Bartolini (Pdl): "Non ho mai avuto risposte"

"Un fallimento annunciato", dice Luca Bartolini, Consigliere Regionale del Pdl. "Non poteva che andare così. La sciagurata gestione della Sinistra ha ottenuto l'ennesimo insuccesso. E' l'emblema del fallimento del sistema di potere della sinistra nella nostra Provincia. Quando ancora, Sapro, sembrava navigasse in buone acque, chiesi conto e trasparenza, ma mai mi fu data una risposta chiara ed esaustiva dagli amministratori della Sinistra".

 

"Fui quasi deriso - continua Bartolini - perchè mi ero permesso di chiedere cosa stava succedendo e come veniva gestita questa Società intoccabile. Avevo denunciato più volte le operazioni spericolate messe in campo una dietro l'altra, che hanno portato al fallimento di 108 milioni di euro, una cifra record (200 miliardi del vecchio conio). Non è mai bello dire 'l'avevo detto'. Ma ci sono i documenti che testimoniano come, già tra il 1999 e il 2000, avevo lanciato l'allarme".

 

Il consigliere del Pdl attaccata ancor più duramente ricordando la sua insistenza nel voler chiarezza. "Più volte mi sono battuto senza poter ottenere nulla. Ho insistito, ho chiesto, ma ho sempre trovato un muro di gomma, mentre i consigli e le nomine all'interno di Sapro giravano come in un valzer con direttori che percepivano fino a 205mila euro l'anno".

 

"Ora - dice Bartolini - sono i giudici del civile del Tribunale di Forlì a dichiarare il fallimento, nonostante i tentativi meschini e gli scellerati accordi tra i Comuni soci per tentare di salvare più la facci che la società. La Sinistra che si è stracciata le vesti quando il Governo salvò Alitalia nonostante fossero a rischio migliaia di posti di lavoro, la difesa del prestigio della compagnia aerea di bandiera nel mondo, infrastrutture strategiche, oggi invece, zitta zitta, ha tentato di salvare la pelle "ai compagni" , ma alla fine a pagare il duro conto del fallimento politico di Sapro saranno sempre i cittadini".

 

Per il consigliere regionale tutti i nodi vengono al pettine e ricorda come "in questi giorni oltre sanità e aeroporto si è aggiunta questa costosa eredità. Mi dispiace solo per la popolazione. La nostra Provincia non merita amministratori di questo calibro che prima di far fallire società come questa hanno fallito loro stessi. E ora se ne laveranno le mani. Questo ennesimo buco metterà in crisi tutta l'economia della nostra provincia per i prossimi anni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -