Sarah Scazzi, alcune macchie sulle cinture sequestrate a Misseri

Sarah Scazzi, alcune macchie sulle cinture sequestrate a Misseri

Sarah Scazzi, alcune macchie sulle cinture sequestrate a Misseri

AVETRANA (Taranto) - Spuntano due capelli sulla corda che Michele Misseri avrebbe usato il 26 agosto scorso per seppellire il cadavere della nipote Sarah Scazzi in un pozzetto di raccolta di acque piovane in contrada Mosca, tra Nardò ed Avetrana. Sarà l'esame del Dna a stabilire a chi appartengono. I Carabinieri del Ris di Roma, che stanno esaminando i reperti sequestrati nella villetta dei Misseri, hanno trovato anche delle macchie sulle cinture.

 

Queste finirono nelle mani degli inquirenti all'indomani dell'interrogatorio fiume sostenuto da Misseri il 5 novembre scorso, quando addossò tutte le responsabilità dell'omicidio della quindicenne alla figlia Sabrina (in carcere dal 15 ottobre scorso con l'accusa di sequestro di persona e omicidio volontario in concorso col padre). Intanto sale l'attesa per l'incidente probatorio del contadino di 57 anni davanti al gip Martino Rosati. All'appuntamento sarà presente anche Sabrina.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -