Sarah Scazzi, blitz nella cella di Misseri. Sequestrate carte

Sarah Scazzi, blitz nella cella di Misseri. Sequestrate carte

Sarah Scazzi, blitz nella cella di Misseri. Sequestrate carte

TARANTO - Blitz lunedì sera dei Carabinieri nella cella di Michele Misseri, il contadino di 57 anni in carcere dal 7 ottobre scorso per l'omicidio della nipote Sarah Scazzi. L'operazione è stata disposta dalla Procura di Taranto dopo che l'uomo aveva inviato due lettere alle figlie nelle quali discolpava da ogni accusa Sabrina, in carcere dal 15 ottobre dopo la chiamata in correità del padre. Secondo gli inquirenti qualcuno ha spinto Misseri a scrivere le lettere.

 

Gli inquirenti hanno giudicato interessanti le carte sequestrate. Si tratta a quanto pare di giornali e bozze degli scritti sgrammaticati. Nel giallo di Avetrana spunta la figura del suggeritore, qualcuno che potrebbe aver suggerito il 57enne a scrivere quelle lettere per scagionare Sabrina. La Procura è convinta che Misseri non dica la verità nelle lettere ma che lo abbia fatto nell'incidente probatorio, quando ha accusato davanti al gip di Taranto Martino Rosati la figlia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -