Sarah Scazzi, il Procuratore: ''Le indagini continuano''

Sarah Scazzi, il Procuratore: ''Le indagini continuano''

Sarah Scazzi, il Procuratore: ''Le indagini continuano''

TARANTO - L'inchiesta sull'omicidio di Sarah Scazzi continua. Lo ha affermato il Capo della Procura di Taranto, Franco Sebastio, che ha incontrato i cronisti dopo l'arresto con l'accusa di concorso in soppressione di cadavere di Carmine Misseri e Cosimo Cosma, rispettivamente fratello e nipote di Michele Misseri, l'agricoltore che il 7 ottobre scorso permise agli inquirenti di trovare il cadavere della nipote nascosto in un pozzetto nelle campagne di contrada Mosca.

 

Ad incastrare i due sono delle telefonate fatte il 26 agosto, giorno in cui Sarah è scomparsa. Carmine Misseri e Cosimo Cosma saranno ascoltati giovedì dal gip di Taranto, Martino Rosati. Giovanni Di Blasio, comandante provinciale dei carabinieri di Taranto, che i due "hanno attuato un tentativo generalizzato di crearsi dei copioni ben articolati per sostenere gli interrogatori e quindi precostituirsi degli alibi".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'indagine riguarda sostanzialmente quello che e' successo nei momenti successivi all'omicidio - ha aggiunto Di Blasio -. Allo stato attuale, almeno negli atti disvelati nell'ordinanza, l'evidenza di un'attività dei due indagati in via Deledda non c'e'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -