Sarah Scazzi, la difesa di Sabrina chiede l'incidente probatorio sulle lettere

Sarah Scazzi, la difesa di Sabrina chiede l'incidente probatorio sulle lettere

Sarah Scazzi, la difesa di Sabrina chiede l'incidente probatorio sulle lettere

TARANTO - Gli avvocati difensori di Sabrina Misseri, la giovane in carcere dal 15 ottobre scorso dopo esser stata accusata dal padre Michele di aver ucciso la quindicenne Sarah Scazzi, hanno depositato lunedì una richiesta di probatorio alla cancelleria del gip di Taranto, Martino Rosati, sulle due lettere scritte alle figlie in cui scagiona Sabrina dall'accusa di aver assassinato il 26 agosto scorso la cugina. Lo ha confermato uno degli avvocati della 22enne, Vito Russo.

 

Il legale ha inoltre spiegato che durante l'interrogatorio di sabato, Misseri ha chiarito che non c'è stata alcuna pressione sulla sua volontà di scrivere le due missive alle figlie. Entro venerdì dovrebbe giungere la risposta all'istanza. Secondo gli avvocati della famiglia Scazzi, Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, il contadino "è stato nuovamente ‘risucchiato' in quel vortice famigliare che lo vuole surrettiziamente unico colpevole di un omicidio commesso però anche da altri".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -