Sarah Scazzi, la perizia medico legale inguaia Sabrina

Sarah Scazzi, la perizia medico legale inguaia Sabrina

Sarah Scazzi, la perizia medico legale inguaia Sabrina

AVETRANA - La perizia medico legale inguaia Sabrina Misseri. L'assassino di Sarah Scazzi non sarebbe Michele Misseri, il contadino di 57 anni che il 6 ottobre scorso ha confessato di aver ucciso la nipotina salvo poi ritrattare e attribuire tutte le responsabilità alla figlia minore. La quindicenne di Avetrana è stata uccisa in due, tre minuti al massimo con una cintura unisex alta 2,5 centimetri con cuciture laterali. Zio Michele sembra non fosse a conoscenza della modalità del delitto.

 

L'agricoltore nel ricostruire gli attimi in cui il sorriso di Sarah veniva spezzato per sempre si sarebbe mostrato talmente impacciato da convincere Strada che l'assassino non è lui. A Misseri era stato fornito un foulard arrotolato a mo' di fume. Ma solo dopo alcuni suggerimenti del medico legale, il 57enne è riuscito a posizionare il foulard in modo corretto pur effettuando uno scambio di mani sulle due estremità.

 

Elementi, ha evidenziato il medico legale, che mettono "in dubbio la presa e la rapidità di azione di un evento omicidiario".Nella sua perizia di dodici pagine sul corpo di della quindicenne il medico ha parlato della compatibilità della cintura come arma del delitto. La ricostruzione è stata però fortemente contestata dal medico legale nominato dalla difesa dei Misseri, Enrico Risso, per il quale i tempi e modi dell'omicidio non sarebbero compatibili con la forza di una donna.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -