Sarah Scazzi, la versione di Cosima non regge

Sarah Scazzi, la versione di Cosima non regge

Sarah Scazzi, la versione di Cosima non regge

AVETRANA (Taranto) - Il 26 agosto, giorno della scomparsa della nipote Sarah Scazzi, Cosima Serrano, la moglie di Michele Misseri e madre di Sabrina, non si sarebbe recata al lavoro in campagna come contrariamente ha riferito agli inquirenti. A negare quanto raccontato dalla moglie del contadino di 57 anni è stato il padroncino. Davanti agli investigatori l'uomo ha spiegato che alcuni giorni dopo la scomparsa della quindicenne era stato avvicinato da Misseri.

 

L'agricoltore gli avrebbe chiesto di non dire niente qualora l'avessero interrogato. Il tentativo di convincere l'uomo, che Misseri ha negato, è riportato nell'ultimo interrogatorio di Misseri. Agli inquirenti ha spiegato che quanto era tornato a casa dalla campagna in cucina c'era Cosima, mentre attorno al tavolo si trovavano a pranzare Sabrina e Sarah. Il contadino ha inoltre riferito che Sabrina e Cosima la mattinata del 26 agosto avevano litigato. Misseri ha inoltre riferito di aver sentito le due donne fare i nomi di Ivano, di Alessio e di un altro ragazzo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -