Sarah Scazzi, la zia Cosima in Procura. Sabrina Misseri per due ore davanti al gip.

Sarah Scazzi, la zia Cosima in Procura. Sabrina Misseri per due ore davanti al gip.

Sarah Scazzi, la zia Cosima in Procura. Sabrina Misseri per due ore davanti al gip.

TARANTO - Il giudice per le udienze preliminari di Taranto Martino Rosati ha convalidato il fermo di Sabrina Misseri, accusata in concorso col padre Michele Misseri di omicidio e sequestro di persona nel delitto della quindicenne Sarah Scazzi. Il gip si è però riservato di decidere in merito all'ordinanza di custodia cautelare in carcere, ovvero all'ipotesi di concedere gli arresti domiciliari. La decisione sarà presa nel giro di 48 ore. Sabrina ha negato ogni accusa.

 

L'interrogatorio è durato due ore. La cugina della vittima sembra però, secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa, di aver incautamente peggiorato la sua posizione rispondendo alle domande in ''modo sereno e determinato', come hanno affermato gli avvocati difensori. 

 

Gli inquirenti hanno convocato in Procura Cosima Misseri. I carabinieri erano entrati nella casa di Avetrana di Michele Misseri in via Grazia Deledda per restare dentro dieci minuti. Probabilmente hanno consegnato un invito a comparire davanti ai pm della Procura della Repubblica come persona informata sui fatti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -