Sarah Scazzi, nuovi interrogatori. Sopralluogo nella casa di zio Michele

Sarah Scazzi, nuovi interrogatori. Sopralluogo nella casa di zio Michele

Sarah Scazzi, nuovi interrogatori. Sopralluogo nella casa di zio Michele

AVETRANA (Taranto) - Alla ricerca della verità. Proseguono a ritmo incessante le indagini sull'omicidio della quindicenne Sarah Scazzi. Alla stazione dei Carabinieri di Avetrana i pm Mariano Buccoliero e Pietro Argentino hanno ascoltato per circa quattro ore almeno due persone come persone informate sui fatti. Lunedì gli inquirenti hanno svolto anche un nuovo sopralluogo nella villetta di Michele Misseri, l'agricoltore di 57 anni reo confesso del delitto.

 

L'obiettivo era stabilire se i reperti recuperati e le analisi effettuate dal medico legale Luigi Strada sul corpo della ragazza sono compatibili con il luogo dove la stessa la quindicenne è stata uccisa lo scorso 26 agosto. Al sopralluogo (durato circa un'ora) erano presenti, oltre al magistrato e al medico, anche il colonnello dei Carabinieri Antonio Russo. Contemporaneamente nella sede del Ris dei Carabinieri di Roma si sono svolti gli accertamenti tecnici sui reperti.

 

Agli esami hanno partecipato anche il consulente di parte della famiglia Scazzi, l'ex comandante dei Ris generale Luciano Garofano, il medico legale incaricato dalla procura Luigi Strada e l'anatomopatologo Carla Vecchiotti consulente di Sabrina Misseri, figlia di Michele e chiamata in correità dal padre per aver ucciso Sarah. Secondo Garofano servirà almeno una settimana per fare chiarezza. Gli esami dovranno accertare se ci sia stata violenza sessuale dopo l'omicidio.

 

Ci sono da esaminare anche le tracce nell'auto di Misseri. Il Ris lavorerà parallelamente sul telefono e sulle tracce biologiche. Garofano non ha escluso che tra i reperti che saranno analizzati dal Ris ci siano anche i resti dell'arma del delitto (una corda, almeno stando alla confessione dell'agricoltore che però lui ha affermato di aver bruciato). E solo al termine di questi esami verranno effettuato gli accertamenti sugli sms inviati e ricevuti da Sarah prima di morire.

 

Nel frattempo gli avvocati di Sabrina Misseri hanno fatto sapere che impugneranno davanti al Tribunale del Riesame l'ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le udienze preliminari Martino Rosati. Il ricorso sarà depositato entro due-tre giorni. Gli avvocati Vito Russo ed Emilia Velletri chiederanno la nullità del provvedimento restrittivo e contesteranno i gravi indizi di colpevolezza. Scartata, quindi, l'ipotesi del ricorso "per saltum" in cassazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -