Sarah Scazzi, nuovo giallo. Per gli inquirenti manca un diario

Sarah Scazzi, nuovo giallo. Per gli inquirenti manca un diario

Sarah Scazzi, nuovo giallo. Per gli inquirenti manca un diario

TARANTO - Gli inquirenti che indagano sull'omicidio di Sarah Scazzi cercano ancora un diario della ragazzina. Nel periodo in cui si cercavano ancora tracce della quindicenne, uccisa il 26 agosto scorso, la sua stanza è stata frequentata da più persone e famigliari, compresa la cugina Sabrina Misseri, finita in carcere il 15 ottobre scorso in relazione all'uccisione della cugina dopo le accuse mosse dal padre Michele, in cella dal 7 ottobre.

 

Il sospetto della sparizione potrebbe essere anche infondato. Tuttavia sono in corso verifiche per sciogliere il dubbio. Giovedì i Carabinieri sono tornati nell'abitazione dei Misseri, in via Deledda. In casa c'era la moglie dell'agricoltore di 57 anni, Cosima Serrano, che, pur non essendo indagata, ha voluto che alle operazioni fosse presente anche il suo avvocato Franco De Jaco.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori si sono recati a casa Scazzi, in Vico II Verdi. Le rilevazioni tecniche per individuare le celle di aggancio della rete di telefonia mobile sono proseguite in altre zone di Avetrana, tra le quali l'area in cui c'è il pozzo dove Michele Misseri seppellì la povera Sarah dopo la morte.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -