Sarah Scazzi, Sabrina disse: ''Papà è bravo, non lascia piste''

Sarah Scazzi, Sabrina disse: ''Papà è bravo, non lascia piste''

Sarah Scazzi, Sabrina disse: ''Papà è bravo, non lascia piste''

AVETRANA (Taranto) - Sabrina Misseri non era preoccupata del fatto che potesse venire fuori la sua partecipazione all'omicidio della cugina Sarah Scazzi, avvenuto il 26 agosto scorso. È quanto ha affermato il padre Michele agli inquirenti durante la confessione spontanea del 5 novembre scorso. E' emerso inoltre che la giovane estetista aveva compreso che le possibilità di evitare di esser coinvolta nell'indagine si erano assottigliate dopo che il padre aveva fatto ritrovare agli investigatori il cellulare di Sarah.

 

"Speriamo che il cellulare risulti da 45 giorni là, sennò siamo tutti fregati", avrebbe la ragazza detto a Michele il 29 settembre scorso, come ha raccontato lo stesso agricoltore nell'interrogatorio. La notte tra il 6 e il 7 ottobre scorsi, dopo il contadino aveva fatto ritrovare il corpo di Sarah, Sabrina chiamò continuamente al telefonino il padre che si trovava nella caserma dei carabinieri di Manduria per chiedergli cosa avesse fatto.

 

Lo avrebbe rilevato lo stesso Misseri: "Lei mi chiamava sempre - ha dichiarato agli inquirenti - e mi diceva 'Ma che hai combinato?' E io lo spegnevo il cellulare e vedevo che era Sabrina".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -