Sarah Scazzi, una nuova verità di zio Michele?

Sarah Scazzi, una nuova verità di zio Michele?

Sarah Scazzi, una nuova verità di zio Michele?

TARANTO - Michele Misseri potrebbe cambiare ancora una volta dare una nuova ricostruzione dei fatti sull'omicidio di Sarah Scazzi e aggiungere ulteriori elementi rispetto a quanto dichiarato in occasione dell'incidente probatorio davanti al gip Martino Rosati. Lo ha affermato l'avvocato Daniele Galoppa venerdì sera durante la trasmissione di Rete 4 ‘Quarto grado'. "Non mi sembra tanto normale dare ben sette versioni diverse", ha commentato il fratello di Sarah, Claudio Scazzi.

 

Il giovane, in collegamento con la trasmissione di Salvo Sottile, ha auspicato che l'ottava versione che fornirebbe lo zio materno "sia quella vera". Nel frattempo arriva un nuovo elemento importante ai fini delle indagini. Le ferite trovate sulle braccia dell'agricoltore dal professor Luigi Strada, medico legale incaricato dalla Procura, sono compatibili con "unghiature vecchie di 40 giorni", che possono cioè risalire al giorno in cui la sua nipotina era stata uccisa.

 

Il medico legale, nella relazione preliminare consegnata alle parti l'11 novembre in occasione dell'udienza del tribunale del Riesame sulla cattura della figlia di Misseri, Sabrina, aveva affermato che le cicatrici erano compatibili con ferite che l'agricoltore diceva di essersi procurato lavorando tra le viti nei campi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -