Sarah Scazzi, zio Michele non l'ha violentata. Lo dice il tampone vaginale

Sarah Scazzi, zio Michele non l'ha violentata. Lo dice il tampone vaginale

Sarah Scazzi, zio Michele non l'ha violentata. Lo dice il tampone vaginale

AVETRANA (Taranto) - Importantissima novità nelle indagini relative alla morte di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana uccisa il 26 agosto scorso dal reo confesso Michele Misseri. Gli accertamenti svolti dai Carabinieri del Ris di Roma sul tampone vaginale svolto sul corpo della vittima hanno escluso la presenza di Dna estraneo alla vittima. Questo escluderebbe in poche parole una violenza sul cadavere della giovane come aveva inizialmente dichiarato lo zio Michele.

 

L'avvocato d'ufficio che difende l'agricoltore di 57 anni, Daniele Galoppa, aveva già annunciato alcuni giorni fa che il suo assistito aveva ritrattato davanti ai magistrati l'accusa di vilipendio di cadavere. Venerdì Cosima Serrano e la figlia Valentina, rispettivamente madre e sorella di Sabrina Misseri, arrestata insieme al padre Michele, con l'accusa di aver concorso con quest'ultima all'omicidio di Sarah, si sono recate nella caserma dei Carabinieri di Avetrana.

 

Le due donne state convocate per la notifica di atti ma che non riguardano, come si apprende da fonti investigative, strettamente la vicenda della scomparsa e dell'omicidio della minorenne ma piuttosto fatti attinenti e paralleli. Sia Cosima Serrano che Valentina venerdì mattina hanno visitato in carcere Sabrina. "Provate voi a stare in carcere senza aver fatto nulla", si è sfogata Valentina all'uscita della casa circondariale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -