Sarsina: Giorgio Albertazzi inaugura il Plautus Festival

Sarsina: Giorgio Albertazzi inaugura il Plautus Festival

Giorgio Albertazzi inaugura il 15 luglio il "Plautus Festival" di Sarsina

SARSINA - Sarà "Sogno di una notte di mezza estate" con Giorgio Albertazzi, regista ed interprete  dell'opera shakespeariana, ad aprire il 15 luglio alle 21.30 il cartellone del "Plautus Festival 2008", ed a inaugurare la copertura mobile dell'Arena Plautina. In occasione delle celebrazioni del millenario della Basilica Cattedrale di Sarsina, il festival chiuderà, in via del tutto eccezionale, il 25 agosto con il premio Oscar Ennio Morricone con una prima assoluta mondiale.

  

Il premioer Oscar presenterà in prima assoluta mondiale "Vuoto d'anima piena - Cantata mistica per il millennio della Cattedrale di Sarsina". Il Maestro dirigerà personalmente questa sua intensa partitura per coro, orchestra da camera, pianoforte e flauto, commissionatagli per l'occasione dal Comitato delle celebrazioni per il millennio, per il tramite di Emilia Romagna Festival.

 

Unico nel suo genere, sia a livello italiano che internazionale, il Plautus Festival rappresenta uno dei più importanti eventi culturali estivi, e non solo, dell'Italia centro-settentrionale: nato nel 1956 come rassegna estiva di teatro classico, dal 1996, per il valore e la stima che ha saputo conquistare, è divenuto festival nazionale, confermandosi come spazio vitale nel panorama teatrale del Paese. Ne è testimone il riconoscimento ottenuto lo scorso giugno, quando il Plautus Festival ha ricevuto il Premio Gassman  come  Miglior Festival Estivo 2007(per  la direzione artistica di Beppe Arena).

 

La stagione 2008 vede ancora la direzione artistica di Beppe Arena, regista attore ed operatore teatrale, che da anni promuove la drammaturgia classica e contemporanea attraverso la realizzazione di interessanti progetti culturali e teatrali, cercando di mettere in contatto gli autori ed il pubblico.

 

Il cartellone di quest'anno conferma la vocazione del Festival al genere comico "d'autore", che partendo proprio da Plauto mette in relazione testi classici e proposte di nuovi autori, senza tralasciare comunque il genere della tragedia greca.

Otto gli spettacoli in rassegna, a cui si aggiunge il concerto di chiusura con Ennio Morricone (25 agosto, Cattedrale di Sarsina).

 

S'inaugura il 15 luglio con una particolare versione dell'opera shakespeariana SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE che vede la regia di Giorgio Albertazzi, che sarà anche Puck e che vedrà in scena quattordici attori, tra cui Enrico Brignano, Serena Autieri e Giampiero Ingrassia, dieci danzatori e dodici musicisti.

 

Seguono quattro prime nazionali. Si comincia il 20 luglio con AULULARIA o la ‘commedia della pentola' celebre testo plautino, interpretato dall'istrionico Stefano Masciarelli per la regia di Walter Manfrè; il 23 luglio è di scena ancora Plauto con una delle sue commedie più "libere", più comiche e più riuscite, CASINA, con Corrado Tedeschi e Domenico Albergo, per la regia di Silvio Giordano. Il 30 luglio invece Paola Pitagora, diretta da Giovanni Anfuso, darà vita  a quella che viene definita la tragedia di tutte le tragedie, le TROIANE di Euripide, tragedia che meglio rappresenta il dolore ed il lutto inflitti dalla guerra. Chiude il ciclo delle prime nazionali il MILES GLORIOSUS (Il soldato fanfarone), commedia plautina che verrà rappresentata il 5 agosto da Edoardo Siravo insieme ai giovani attori del Laboratorio Teatrale, diretti da Beppe Arena.

 

Completano il cartellone, il testo contemporaneo scritto da Sabina Negri "ad hoc" per Carlo Delle Piane ed Erica Blanc, HO PERSO LA FACCIA, in scena il 2 agosto con la regia di Renato Giordano; l'8 agosto sarà invece la volta di un classico di Carlo Goldoni,  L'IMPRESARIO DELLE SMIRNE, con Giuseppe Pambieri diretto da Massimo Belli.

Si chiude lo spazio dedicato alla prosa, ancora con un Shakespeare, LA DODICESIMA NOTTE, commedia di puro divertimento sul gioco delle coppie e il gioco dei ruoli, nella quale l'amore alla fine vince sul caos. Sul palco un grande Mario Scaccia con Debora Caprioglio, Marco Messeri e Edoardo Sala, regia di Beppe Arena (14 agosto).

Tra le novità di questa XLVIII edizione, la copertura mobile dell'Arena Plautina di Sarsina, struttura realizzata con le più moderne tecnologie, frutto del ‘Concorso internazionale di idee' svoltosi nel 2003 e vinto dall'architetto spagnolo Manuel De Las Casas Gomez. Un'opera estremamente suggestiva che "abbraccia" sia la cavea che il palcoscenico, così da consentire la messa in scena degli spettacoli anche in caso di pioggia.

 

Il Plautus Festival è organizzato dal Comune di Sarsina in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dipartimento  dello Spettacolo, la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Forlì - Cesena, la Camera di Commercio di Forlì-Cesena, il Comitato Nazionale per il Millenario della Basilica Cattedrale di Sarsina

Gli attori si rendono disponibili per eventuali  interviste telefoniche. Per ulteriori informazioni in merito si prega di contattare l'ufficio stampa ai recapiti sotto indicati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -