Savignano, assaltarono banche: arrestati

Savignano, assaltarono banche: arrestati

Savignano, assaltarono banche: arrestati

SAVIGNANO - Presi gli autori degli assalti messi a segno l'11 settembre dello scorso anno al Credito Cooperativo Romagna Est, filiale di Savignano sul Rubicone, e diciotto giorno più tardi alla sede centrale della Cassa di Risparmio di Cesena. In carcere sono finiti D.C., 34 anni, G.D.G., 52 anni e G.I., 47 anni, mentre altri due complici sono stati denunciati. Le indagini sono partite dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza attive nelle banche rapinate.

 

LA RAPINA A SAVIGNANO - Erano circa le 10 quando quattro malviventi hanno agito a mani nude, portandosi via un bottino di 14mila euro. Entrati con fare deciso, si sono camuffati con berrettini e calzamaglie. Quindi sono fuggiti a bordo di una "Fiat Uno" rubata a Cesena qualche giorno prima e  ritrovata poco dopo nel campo sportivo di Savignano.


LA RAPINA A CESENA - Anche alla Cassa di Risparmio di Cesena di via Garibaldi agirono in quattro. Dopo essersi finti clienti, si sono coperti il volto. Uno di questi immobilizzò una guardia giurata, colpendolo al volto con la fondina della pistola d'ordinanza (una Glock 9x21) che era riuscito a sfilargli. Gli altri tre si erano occupati dei clienti e dei dipendenti presenti in quel momento, facendosi consegnare il denaro contenuto nelle casse. Circa 66mila euro. Dopodichè fuggirono a piedi in direzione di via Braschi, coprendo la fuga con un colpo di pistola sparato ad altezza d'uomo. Dopodichè salirono a bordo di una ‘Fiat Uno' condotta da un complice, risultata rubato qualche giorno prima a Santarcangelo e poi ritrovato a poca distanza.

 

LE INDAGINI - Le indagini degli inquirenti hanno permesso di risalire al primo rapinatore, D.C., 34 anni, già noto alle forze per simili precedenti. In casa sono state rinvenute armi, (compresa quella sottratta alla guardia giurata a Cesena), accessori e capi d'abbigliamento identici a quelli usati in occasione del colpo di Savignano. I Carabinieri sono poi riusciti a chiudere il cerchio, individuando il resto della banda: G.I., 47 anni, G.D.G., 52 , e altri due complici denunciati a piede libero.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -