Savignano, caso Baldinini. Nervegna (PdL) critico con il Comune

Savignano, caso Baldinini. Nervegna (PdL) critico con il Comune

SAVIGNANO - Antonio Nervegna consigliere regionale del Popolo della Libertà critica il comportamento del comune di Savignano sul Rubicone in merito alla vicenda dell'espansione dell'azienda calzaturiera Baldinini. "Il comune per concedere alla rinomata azienda calzaturiera il cambio di destinazione d'uso del terreno da agricolo ad artigianale per edificare un nuovo cappannone-esordisce il consigliere azzurro-chiede in cambio oneri di urbanizzazione. E più di quelli che avevano chiesto all'inizio dell'iter procedurale!"

 

"Se già questa logica di scambio, che ormai è diventata un'abitudine dei comuni di centro sinistra per coprire loro vuoti di progettazione, è criticabile, lo è ancora di più nel caso della giunta guidata dal sindaco Elena Battistini. Infatti una prima volta avevano chiesto all'imprenditore circa 500mila euro, ora la cifra è raddoppiata. Non entrando nel merito di come poi l'amministrazione savignanese ha nei mesi scorsi gestito la scottante questione del capannone abusivo edificato dalla Baldinini, voglio sottolineare come il comune invece che andare incontro all'azienda, che faccio notare in un momento di crisi pensa a progetti di espansione che di certo arrecano nuovi posti di lavoro nella zona, chiede a questa ulteriori soldi in cambio!  Se questo è il modo di aiutare i nostri imprenditori da parte delle amministrazioni di centro sinistra, che approfittano dei bisogni delle aziende per coprire le loro mancanze nella gestione dei bilanci comunali. Mi chiedo poi se gli oneri di urbanizzazione pagati per l'edificazione dell'iper a Savignano mare siano proporzionali a quelli chiesti oggi a Baldinini".

 

Nervegna, che sottolinea ulteriormente come in questo moneto di crisi un'azienda dovrebbe essere aiutata e non messa in difficoltà delle amministrazioni, aggiunge "che si deve porre all'attenzione della cittadinanza come questo modo di agire sia quasi un "ricatto"  a cui gli imprenditori devono sottostare se vogliono portare avanti i loro progetti. Certo gli amministratori di centro sinistra potrebbero dire che con quei soldi fanno opere pubbliche, ma voglio ricordare che quelle le dovrebbero fare loro con un'accurata gestione dei bilanci e dei fondi comunali. Si deve aiutare l'imprenditoria e non metterle sempre i bastoni fra le ruote".  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -