SAVIGNANO - 'Fai di Primavera', tantissima gente al Castello di Ribano

SAVIGNANO - 'Fai di Primavera', tantissima gente al Castello di Ribano

SAVIGNANO - Al Castello di Ribano in occasione della 16esima Giornata FAI di primavera che si è svolta sabato 5 e domenica 6 aprile, si è riversata una folla di gente interessata a visitare le cantine Spalletti e la mostra dei ricami a treccia. Vista la notevole affluenza di pubblico, le visite sono state prolungate fino alle 19.


Le cantine Spalletti Colonna di Paliano: Molti visitatori hanno usufruito della visita guidata all’interno delle tecnologiche cantine, inaugurate nel 2005. Le visite sono state condotte dagli apprendisti ciceroni del Liceo Scientifico “Marie Curie” di Savignano sul Rubicone, che hanno parlato del percorso dell’uva dalla raccolta sino alla vinificazione e imbottigliamento. I giovani apprendisti hanno anche illustrato le sale del Castello di Ribano del secolo XI e il museo delle vecchie attrezzature per la vinificazione e la lavorazione delle uve. Nelle secolari cantine del castello, il cui restauro è terminato da pochi giorni, esperte ricamatrici dell’associazione di Savignano “Mani come farfalle” hanno esposto oggetti artigianali frutto dell’arte degli antichi ricami a treccia.


L’Associazione “Mani come farfalle” è formata da un gruppo di appassionate che nel 2004 ha ripreso in mano la tradizione del ricamo a treccia. Lo stesso che veniva eseguito nell’ottocento sulle coperte da buoi, e che fu, sul finire del secolo, uno strumento di emancipazione femminile in Italia. In esposizione erano presenti due coperte da buoi di fine ‘800, già esposte in occasione della fiera di Santa Lucia e appartenenti ad una famiglia savignanese. In mostra anche esempi di ricamo a treccia applicato agli oggetti quotidiani come borse e cuscini, a testimonianza di una tecnica affascinante che può essere ancora attuale.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -