Sballo, la proposta del sindaco di Ravenna: "Ti ubriachi? La pagherai"

Sballo, la proposta del sindaco di Ravenna: "Ti ubriachi? La pagherai"

Sballo, la proposta del sindaco di Ravenna: "Ti ubriachi? La pagherai"

RAVENNA - Ti ubriachi? La pagherai. In tutti i sensi. Si potrebbe riassumere così la proposta che il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, ha fatto all'assessore alle Politiche per la salute della Regione, Carlo Lusenti per contrastare il fenomeno dello sballo. "Propongo - si legge nella lettera di Matteucci - di fare concorrere maggiormente alla spesa sanitaria quei cittadini il cui stato di ubriachezza richieda prestazione sanitarie con l'impiego di mezzi di pronto intervento da parte del 118".

 

"Il fenomeno dello "sballo" - dice Matteucci - ormai noto non solo per le segnalazioni che mi provengono dal personale del Pronto Soccorso, produce un aumento di chiamate al 118 nelle serate dei fine settimana con un aumento esponenziale nel periodo estivo sulla nostra costa.  Tutto ciò impone, secondo me, un'ulteriore riflessione su questo deprecabile e pericoloso fenomeno".

 

"Già diversi Sindaci della nostra Regione, tra cui il sottoscritto - continua il primo cittadino di Ravenna -  hanno emanato ordinanze per dissuadere dall'abuso di sostanze alcoliche e psicotrope. Da tempo si susseguono campagne di sensibilizzazione fra i giovani, nelle scuole e in tutti i luoghi pubblici con dispiego di personale esperto messo a disposizione dall'Azienda Ausl, dalla Polizia Municipale  e da altre Forze dell'Ordine".

 

"Occorre ovviamente proseguire in questa campagna educativa di prevenzione. Egregio Assessore non le sembra ingiusto, soprattutto alla luce dei tagli alla Sanità che verranno imposte dal Governo a Regioni come la nostra, che i costi delle prestazioni di trasporto sanitario e di ogni intervento che vengono richiesti per gli "sballati" siano interamente a carico della generalità dei cittadini? Chi "sballa" per scelta ha anche il denaro per concorrere, in misura maggiore, alle spese sanitarie. Ma soprattutto la misura che Le propongo potrebbe essere un ulteriore messaggio dissuasivo considerato che viviamo in un tempo in cui sembra che tutto abbia un prezzo e nulla abbia valore".

 

"Si potrebbe, ad esempio, come per le normali prestazioni di Pronto Soccorso "improprie", valutare la possibilità di far pagare un ticket commisurato alla spesa reale sostenuta dall'Azienda Sanitaria" conclude Matteucci.

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Io farei pagare anche tutti i turisti ed in generale quelli che non hanno la residenza a Ravenna: per quale motivo il Comune dovrebbe accollarsi le spese sanitarie dei forestieri? Se hai i soldi per venire in vacanza qui da noi, li hai anche per pagarti l'ospedale. Vala' che imparano, e la prossima volta che vogliono farsi male se lo fanno a casa loro!

  • Avatar anonimo di franchina
    franchina

    cominciamo con evitare di fare vedere ovunque, giornali e tv, i giovani con un bicchiere in mano. se un locale funziona si nota da quanti ballano col bicchiere in mano. se si parla di giovani è d'obbligo vedere bicchieri pieni. pare che se uno non beve sia tagliato fuori dal mondo del divertimento... devi avere l'attività cerebrale di un lemure per divertirti. ma che senso ha? si sentono i ragazzi negli autobus mentre vanno a scuola vantarsi per quanto sono riusciti a bere la sera prima. e non diamo la colpa ai genitori!!!!!!! loro non possono accorgersi se i figli bevono....sono più ubriachi di loro! mettiamo tasse altissime su alcolici e sigarette. ma non credo che funzionerebbe nemmeno così.

  • Avatar anonimo di Pablito
    Pablito

    Wei! Ci sono momenti in cui si è + sottoposti a pressione;Può riguardare la perdita di un familiare,di un partner,della patente o anche dello stesso lavoro.Ed in quei momenti,per chi è solo, è molto facile scivolare in delle tentazioni alcoliche pesanti.Ora,forse mettere una gogna in più sarà anche valido ma non credo ugualmente efficiente come può essere l'affiancamento ad uno psicologo.

  • Avatar anonimo di passatore
    passatore

    Bravo Matteucci...concordo in pieno ci aggiungerei anche i drogati e gli extracomunitari clandestini , quindi che non pagano le tasse….altrimenti non ci vedo equità nell'azione e sarebbe una grave discriminazione nei confronti di una categoria..e finalmente si risolleverebbero le casse della sanità pubblica, liberando posti per tutti i cittadini onesti che hanno bisogno della struttura.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -