Sbarchi di clandestini a Lampedusa, Maroni: ''C'è rischio di emergenza umanitaria''

Sbarchi di clandestini a Lampedusa, Maroni: ''C'è rischio di emergenza umanitaria''

Sbarchi di clandestini a Lampedusa, Maroni: ''C'è rischio di emergenza umanitaria''

ROMA - Sono ripresi gli sbarchi di clandestini a Lampedusa. Solo nella nottata tra giovedì e venerdì sono arrivati nell'isola siciliana 138 immigrati, 115 dei quali di nazionalità tunisina in un barcone. Tuttavia il susseguirsi di sbarchi massicci, causati probabilmente dalle tensioni politiche nel Nord Africa, è destinato a continuare. Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha convocato per giovedì prossimo un Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'occasione è stato invitato anche il ministro degli Esteri, Franco Frattini, "per decidere le misure più idonee". Chiesto anche il coinvolgimento della Commissione Europea. Secondo il ministro dell'Interno "gli strumenti necessari per risolvere la situazione non possono essere messi in campo solo dall'Italia". Maroni ha evidenziato il rischio "di una vera e propria emergenza umanitaria".

Ad aggravare l'emergenza, secondo Maroni, la situazione politica in Tunisia. "Il problema è che l'accordo bilaterale che abbiamo con la Tunisia che ha permesso finora di gestire in modo efficace l'immigrazione clandestina, non viene attuato da Tunisi per la situazione di crisi - ha affermato il titolare del Viminale -. C'è una incapacità di fronteggiare la situazione da parte dell'autorità tunisina".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -