Scarsa presenza di donne in Regione, Donini: "Speriamo nelle elezioni"

Scarsa presenza di donne in Regione, Donini: "Speriamo nelle elezioni"

Scarsa presenza di donne in Regione, Donini: "Speriamo nelle elezioni"

BOLOGNA - Anche in Emilia-Romagna c'e' "un deficit di democrazia" e la parita' uomo-donna e' ancora lontana, anche nelle istituzioni. A sottolinearlo e' Monica Donini, presidente dell'Assemblea legislativa regionale, in occasione del trentennale della Cedaw, la convenzione Onu per  l'eliminazione della discriminazione contro le donne. "C'e' un forte divario tra cio' che viviamo e cio' che si trova scritto nella Convenzione", commenta Donini.

 

Continua: "Lo ritengo un problema non solo etico, ma di portata istituzionale. Esiste infatti un deficit di democrazia se, laddove si prendono le decisioni, la presenza delle donne non e' proporzionale a quella effettiva sul territorio. Pensiamo ad esempio all'attuale Consiglio regionale, in cui solo il 10% dei consiglieri eletti sono donne. Mi auguro- conclude Donini- che ce ne saranno di piu' dopo le imminenti elezioni".

 

La limitata partecipazione attiva alla vita politica e' soltanto una delle discriminazioni subite dalle donne, troppo spesso vittime in casi di violenza domestica o vessazioni psicologiche sul posto di lavoro (mobbing). Per celebrare i trent'anni dalla firma del trattato, cui l'Italia ha poi aderito nel 1985, a Bologna e Ravenna si terranno due convegni nelle date del 14 e 15 gennaio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -