Scontri a Roma, confessa l'aggressore di Cristiano

Scontri a Roma, confessa l'aggressore di Cristiano

Foto di repertorio-429

ROMA - Ha confessato. Manuel De Santis, 20 anni, ha ammesso che la mattina del 14 dicembre scorso durante i disordini scoppiati a Roma ha colpito con un casco Cristiano, il quindicenne liceale del Mamiani che si trovava in centro, tra Botteghe Oscure e piazza Venezia, per protestare contro la riforma Gelmini. De Santis ha presentato alla Procura della Repubblica di Roma una dichiarazione spontanea, assumendosi le responsabilità di quanto accaduto.

 

Il giovane ha anche chiesto di potersi incontrare in privato con i familiari di Cristiano. Questo accadrà in un momento più opportuno. La dichiarazione è stata dunque presentata alla Procura già sabato, ma la notizia è stata diffusa soltanto lunedì. Ora la prima preoccupazione della famiglia di Cristiano è per le sue condizioni di salute.

 

L'ultima Tac eseguita all'ospedale San Giovanni, dove si trova ricoverato da martedì scorso, ha evidenziato che l'ematoma al cranio non si è allargato. Il quindicenne dovrà esser sottoposto ad intervento chirurgico di ricostruzione del setto nasale, fratturato in più punti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -