Scontri a Roma, Maroni: "Volevano fare come a Genova"

Scontri a Roma, Maroni: "Volevano fare come a Genova"

Scontri a Roma, Maroni: "Volevano fare come a Genova"

Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, riferisce al parlamento degli socntri di Roma avvenuti sabato scorso in occasione della manifestazione degli "indignados" che ha messo a ferro e fuoco una parte di Roma. "C'era l'intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato - ha detto -. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione".

 

Maroni ha detto che in base ai rilievi delle forze dell'ordine, si è potuto riscontrare che "c'era la volontà di ricreare l'incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto".

 

Per Maroni occorre pensare ed attuare "nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c'erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all'arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -