Scuola e università, studenti ancora in piazza. Scontri a Firenze e Bologna

Scuola e università, studenti ancora in piazza. Scontri a Firenze e Bologna

Foto di repertorio-411

ROMA - Dopo il blitz di mercoledì al Senato, con due manifestanti arrestati, 27 denunciati, e una quindicina di feriti tra forze dell'ordine e studenti, giovedì la protesta si è sposta davanti alla Camera: universitari e liceali hanno annunciato un sit-in non autorizzato in piazza Montecitorio. Davanti alla Sapienza di Roma è comparso uno striscione: "Libertà per gli studenti arrestati". Mentre dalle finestre di una facoltà ne pende un altro "Daniele e Mario liberi subito".

 

I due arrestati sono accusati di violenza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. I due giovani, hanno fatto sapere alcuni studenti, saranno processati per direttissima e, secondo quanto si apprende, sono incensurati. Giovedì le proteste si sono spostate in diverse città d'Italia. Scontri tra forze dell'ordine e studenti al Polo di Scienze sociali di Novoli durante la manifestazione per evitare l'ingresso Daniela Santanchè, che dovrebbe partecipare ad un convegno.

 

Gli agenti in tenuta anti sommossa sono hanno respinto il tentativo di alcuni giovani di forzare il blocco ed entrare nelle aule con una carica di alleggerimento. Alcuni studenti hanno lanciate anche dei fumogeni. I poliziotti hanno tirato fuori i manganelli ma sono bastati gli scudi a respingere i manifestanti. Una seconda carica è partita poco dopo e ci sarebbe uno studente ferito. Il giovane perde sangue dalla fronte ma le sue condizioni non sono gravi.

A Pisa un gruppo di ricercatori e dottorandi precari dell'Università di Pisa è salito sul tetto dell' Osservatorio astronomico dell'Ateneo dove ha esposto lo striscione con la scritta "Ritiratelo. No al ddl, sì alla ricerca", con riferimento alla riforma Gelmini in discussione in Parlamento. A Milano c'è stato un blitz dei giovani dei Collettivi studenteschi all'interno del palazzo governativo dell'Agenzia delle Entrate. I giovani sulla balconata sono stati raggiunti dalla polizia.

 

A Bologna un corte di studenti ha tentato di irrompere all'interno della stazione ferroviaria, presidiata da cordoni di polizia e carabinieri in tenuta antisommossa. Quando manifestanti e forze dell'ordine sono arrivati a contatto, gli agenti hanno risposto manganellando gli studenti delle prime file (quasi tutti a volto scoperto e senza protezioni). Dai manifestanti lanci di bottiglie di plastica e uova. Proteste anche a Cagliari, Ancona, Palermo e Aosta.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -