Scuola, Forlì-Cesena al primo posto in Italia: "tagli già effettuati"

Scuola, Forlì-Cesena al primo posto in Italia: "tagli già effettuati"

Scuola, Forlì-Cesena al primo posto in Italia: "tagli già effettuati"

I tagli alla scuola? Forlì-Cesena sembra averli già compiuti, almeno secondo quanto emerge dal Rapporto 2008 sul sistema scolastico provinciale: ci sono 21,4 studenti per classe (lo 0,8 in piu' rispetto alla media nazionale), mentre sette anni fa era di 20,4; per quanto riguarda gli insegnanti, poi, si contano 11,5 alunni per docente, contro una media nazionale di 10,7. Nel 2007 la scuola provinciale si è piazzata prima nell'indagine di 'Tuttoscuola' (basata su 152 indicatori).

 

Conferma Luigi Catalano, responsabile dell'Ufficio Scolastico regionale: "In Emilia-Romagna molto e' gia' stato fatto, rispetto ad altre regioni saremo toccati meno da eventuali tagli". In ogni caso, specifica Catalano che "il compito dell'ufficio scolastico e' applicare il quadro normativo" e che per questo "saremo disponibili ad ogni supporto necessario per vedere come attuare la razionalizzazione che ci viene richiesta a livello centrale".

 

Ecco, quindi, alcuni numeri sulla scuola di Forli'-Cesena, che nel 2007 si e' piazzata al primo posto nell'indagine di 'Tuttoscuola' (basata su 152 indicatori): secondo il rapporto "La scuola e i suoi territori" (realizzato dagli uffici scolastici regionale e provinciali), alle superiori si preferisce ancora i tecnici (40,6% delle iscrizioni) ai licei (32,7%) e ai professionali (24,1%).

 

Bassissimo il livello di dispersione scolastica. "Il 97% dei giovani tra i 14 e i 17 anni sceglie un percorso formativo dopo le medie, sia con la scuola sia con la formazione al lavoro, il dato piu' alto in regione", rileva l'assessore provinciale all'istruzione Margherita Collareta.

 

"Inoltre risentiamo solo di striscio dell'onda della licealizzazione", rileva sempre Collareta. Sul fronte delle scuole elementari si rileva un bassa incidenza del "tempo pieno": solo il 22,2% degli alunni lo utilizza (sotto la media regionale del 43,8% e quella nazionale del 25%), in compenso e' molto utilizzato il tempo prolungato alle medie (23,7%, la percentuale piu' alta in

regione).

 

Sul fronte degli studenti stranieri si rileva, inoltre, una presenza del 10,4% rispetto ad una media regionale del 11,6%: un terzo di questi sono nati in Italia, segno che e' gia' tempo di porsi il problema dell'integrazione della 'seconda generazione'. "Oltre alla scuola intesa come edifici e attrezzature, c'e' una buona performance dell'insegnamento", rileva l'assessore Collareta.

 

L'81% degli studenti, infatti, finisce regolarmente gli studi superiori (cioe' non riporta bocciature nel loro percorso), mentre il 38,5% dei promossi prosegue ma con debiti formativi,

rispetto ad una media regionale del 41,6%. Illustra poi Giancarlo Cerini dell'ufficio scolastico regionale: "In definitiva i punti di forza del nostro sistema sono una scuola dell'infanzia di qualita' che gode della fiducia delle famiglie, l'integrazione dei sistemi di istruzione e formazione e il dialogo tra il mondo della scuola e le imprese".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un capitolo poi sui costi: fatto cento la spesa statale, il Rapporto regionale precisa che un ulteriore '30' ce lo mettono gli enti locali, e questi finanziamenti non vanno al personale. Il rapporto, infine, sottolinea anche dei punti d'ombra del nostro sistema scolastico, come per esempio la forte stratificazione sociale nella scelta delle superiori, risultati scolastici in cui mostrano piu' difficolta' gli stranieri e il sesso maschile e problemi ancora irrisolti nell'apprendimento delle materie scientifiche. 

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    propongo per qualcuno una capanna su marte....completamente fuori dalla realtà.

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    si, 10% di stranieri sono troppi.

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    nessun commento? dai su qualche perla....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -