Sentenza della Cassazione: insultarsi via e-mail non è molestia

Sentenza della Cassazione: insultarsi via e-mail non è molestia

L'insulto via sms è molto peggio di quello via email. Si potrebbe riassumere così la sentenza della Cassazione, spiegando che "la posta elettronica è meno invasiva degli sms e turba molto meno la privacy". Ed è per questo motivo che le email di insulti non sono catalogabili come 'molestia' e per essere puniti serve una querela per ingiuria.

 

Ed in effetti la sentenza della Cassazione può far sorridere. Ma i giudici hanno annullato la multa di 200 euro inflitta per molestie ad un uomo di Frosinone che aveva inviato una email piena di insulti ad una signora, insulti che però erano rivolti al convivente della donna.

 

Secondo la Cassazione ''la posta elettronica utilizza la rete telefonica e la rete cellulare delle bande di frequenza, ma non il telefono, ne' costituisce applicazione della telefonia che consiste, invece, nella teletrasmissione, in modalità sincrona, di voci o di suoni. L'email non comporta nessuna immediata interazione tra il mittente e il destinatario, ne' alcuna intrusione diretta del primo nella sfera delle attività del secondo''.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -