Serie A, finisce 2-2 tra Cesena e Juventus in un 'Manuzzi' vestito a festa

Serie A, finisce 2-2 tra Cesena e Juventus in un 'Manuzzi' vestito a festa

Serie A, finisce 2-2 tra Cesena e Juventus in un 'Manuzzi' vestito a festa

CESENA - E' finita in parità sul 2-2 una bella partita tra Cesena e Juventus. Un punto comunque importante per i romagnoli, che smuovono una classifica non certo esaltante. Il "Manuzzi" era vestito con l'abito buono delle grandi occasioni per quella che indubbiamente era una delle sfide più attese della stagione nello stadio romagnolo. Romagnoli a riposo al termine del primo tempo sotto di due gol a uno (Jimenez in gol su rigore). Nella ripresa la squadra di Ficcadenti prende in mano le redini del match approfittando dell'inferiorità numerica della Juve e riesce a pareggiare con Parolo all'85'.

 

> LE FOTO DELLA PARTITA 1

> LE FOTO DELLA PARTITA 2

> LE FOTO DELLA PARTITA 3

 

Partita memorabile e ricca di colpi di scena giocata in un'arena stracolma. Bel gioco per 90 minuti anche se la Juve è stata sottotono. Ha brillato invece il Cesena che avrebbe meritato di più visto il possesso palla e le occasioni ma la causa dei tre punti mancati va cercata soprattutto nei propri errori. Tra questi il gol mangiato (e mal digerito) da Giaccherini che poteva essere il vero punto di svolta dell'incontro. Fortunatamente al resto ci pensa Parolo.


PRIMO TEMPO. Il Manuzzi accoglie la Juve in uno stadio da tutto esaurito. Impossibile perdersi una partita così prestigiosa, contro la vecchia signora del calcio italiano; ma al di là del blasone, la posta in palio è quella agonistica per entrambe. Il Cavalluccio è reduce da due vittorie e lotta per la riscossa, la Juve cerca i 3 punti per uscire dall'impasse che lascia un Del Neri sempre più incerto sulla panchina. Bogdani torna ad essere la punta del tridente romagnolo dopo il turno di squalifica. 

 

Se nei primi 20 minuti la juve è incapace di buon gioco e il Cesena domina, il guizzo che rianima la Zebra piemontese è di Del Piero che lancia Matri. Con le sue falcate taglia in diagonale l'area spedendo il pallone sul secondo palo.

Il Cesena sembra pronto a reagire e pare proprio sul punto di farlo con Giaccherini che riesce a superare Buffon ma quando si trova, defilato ma a porta vuota, a un passo del pareggio manca clamorosamente la rete. Un tiro che sarebbe stato difficile sbagliare, ancor più da spedire alto sopra la traversa.

 

La Juve non perdona e i protagonisti della seconda rete sono ancora Del Piero e Matri. Il 26enne agevola Del Piero dalla sinistra, il numero 10 becca il palo e sul rimpallo, l'incornata fortuita di Matri finisce finalmente nello specchio della porta.

L'incontro sembra segnato ma Parolo deve metterci il suo zampino. Con una mossa magistrale si trova faccia a faccia con Buffon ma subisce fallo in area da quest'ultimo.  E' rigore e doppia ammonizione per Motta che lascia in 10 i suoi. Si potrebbe dire che ora il gioco è alla pari visto che Bogdani non è pervenuto.

 

Tanto spazio alla solidarietà prima della partita con la sfilata dei Clown Dottori dell'Aquilone di Iqbal per il Progetto Pediatria a Misura di Bambino. Poi durante il riscaldamento i bianconeri nostrani indossano la T shirt "For Japan" e, prima del calcio d'inizio, Colucci deposita un mazzo di fiori in memoria di Stefania Garattoni la 20enne uccisa la settimana scorsa da un raptus dell'ex.

 

SECONDO TEMPO. Il secondo tempo si apre con gli ospiti in 10 e pare che Ficcadenti abbia azzeccato i cambi cercando di dare maggiore incisività all'attacco. Infatti nei primi 15 minuti circa Buffon suda freddo perchè il gioco è solo sulla sua area. Il culmine è al 60mo quando il numero 1 Juventino para un ottimo sinistro di Jimenez, Giaccherini ci riprova ma Buffon salva ancora. L'azione finisce con Bogdani che però sbaglia tutto.

 

Proprio quando ci si stava abituando ad una vittoria immeritata della Juve, Parolo mette a segno su rinvio da punizione. Trova il pareggio con un piatto destro a giro praticamente imprendibile. I toni non si stemperano e anche al 90mo si cerca di capovolgere il risultato. Qui è la Juve a mettere in difficoltà Antonioli, bravo a mettere in salvo la ribattutta su punizione di Pepe.  

 

Nelle fila del Cesena spiccano indubbiamente Jimenez e Parolo, giudizio negativo invece per Bogdani, che nonostante il ruolo che occupa non finalizza. Quattro risultati positivi per il Cesena che pare abbia ingranato la giusta marcia per lasciare la zona retrocessione. 

 

Alessandro Mazza

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 


Serie A, finisce 2-2 tra Cesena e Juventus in un 'Manuzzi' vestito a festa

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    Tutto sommato è andata bene e si può dire che è un punto d'oro. Ciò che va aprezzato della squadra, è la grande mole di lavoro che svolge e le occasioni che crea, sciupate malamente. Anche se l'incredibile errore di Giaccherini è compensato dalla scaltrezza con la quale è rimasto in gioco, ha saltato tutta la difesa, trovandosi a tu per tu con Buffon: poi, palo, poi, da quasi sulla linea, alto. Le cause: troppa sicurezza? Può darsi. Ansia?Probabile. Scarsa concentrazione all'ultimo secondo? Possibie. Poca abitudine al goal? Da superare, perchè il Cesena merita di più della posizione attuale di classifica.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -