Servizi per l'infanzia, dalla Regione oltre 23 milioni di euro

Servizi per l'infanzia, dalla Regione oltre 23 milioni di euro

Servizi per l'infanzia, dalla Regione oltre 23 milioni di euro

Sviluppo, consolidamento e qualificazione dei servizi educativi, ampliamento delle strutture, elaborazione di programmi provinciali, attenzione all'educazione interculturale e ai piccoli che più necessitano di cura. Le due delibere di programma triennale per infanzia e prima infanzia sono state approvate mercoledì dall'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, che destinerà ai due settori complessivamente ben 23,5 milioni di euro solo per il 2009.

 

"Con l'atto di oggi, vengono confermate le linee dei triennali precedenti - ha ribadito l'assessore alle Politiche sociali della Regione, Anna Maria Dapporto - . Tra gli obiettivi della programmazione 2009-2011, unitamente alla costante attenzione alla qualità dei servizi, c'è l'impegno al superamento delle liste d'attesa, e quindi la necessità di aumentare l'offerta educativa di servizi soprattutto per la fascia 0-3 anni. Ricordo che l'Emilia-Romagna è la regione che accoglie più bimbi, tra nidi, servizi integrativi e sperimentali, coprendo il 27% dei potenziali utenti, a fronte di una media nazionale del 10% circa. Se teniamo i ritmi di questi ultimi anni, nonostante l'aumento della popolazione infantile, dovremmo raggiungere o comunque avvicinarci alla percentuale di copertura stabilita dall'Ue, e quindi il 33% entro il 2010".

 

Per la prima infanzia (0-3 anni), il provvedimento punta ad attivare interventi per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi. La delibera, in particolare, prevede l'estensione dell'offerta educativa (sia con nuove costruzioni che con la ristrutturazione e l'ampliamento di quelle esistenti), il consolidamento dei servizi educativi funzionanti (attraverso il sostegno alle spese di gestione), la qualificazione dei servizi (con il supporto delle figure di coordinamento pedagogico sovra comunale, zonale e provinciale e progetti di formazione permanenti degli operatori) e la realizzazione di servizi sperimentali per particolari situazioni sociali e territoriali (educatrice familiare e domiciliare o piccolo gruppo educativo). L'impegno finanziario della Regione per il 2009 è di circa 20 milioni di euro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per la fascia d'età 3-6 anni l'impegno è di rafforzare la proposta educativa. Particolare attenzione sarà rivolta agli anni ponte, e quindi la fascia 2-4 anni e 5-7 anni. Sono previsti interventi per la dotazione di coordinatori pedagogici e le indicazioni per l'elaborazione dei programmi provinciali. Saranno quindi le Province ad assegnare le risorse, elaborando i rispettivi atti. Attenzione sarà rivolta all'integrazione dei bambini che presentano difficoltà particolari, all'educazione interculturale e, più in generale, all'educazione alle differenze, con un coinvolgimento dei genitori nel progetto educativo. Le aggregazioni di scuole dovranno essere costituite da un numero minimo, definito con un atto di ogni amministrazione provinciale. Per particolari realtà territoriali - zone montane - le aggregazioni potranno essere costituite anche da una sola scuola dell'infanzia, insieme a uno o più servizi educativi o a scuole di diverso grado. Per il 2009 la Regione destinerà 3,5 milioni di euro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -