Sicurezza alimentare: Coldiretti, gli agriturismi sono le strutture più controllate

Sicurezza alimentare: Coldiretti, gli agriturismi sono le strutture più controllate

Gli agriturismi sono le strutture di ospitalità e ristorazione più controllate e più sicure in Italia. Lo sottolinea Coldiretti alla luce dei dati delle indagini svolte nel 2007 dal Comando dei Carabiniere per la Tutela della  Salute (Nas), pubblicati sul numero di settembre della rivista Agricoltura dell'assessorato Agricoltura della Regione Emilia Romagna. E' la conferma che i prodotti enogastronomici offerti agli agrituristi, oltre ad essere a chilometri zero e rispettosi dell'ambiente perché provenienti dal territorio regionale, offrono elevate garanzie di qualità e sicurezza.

 

E' un bel biglietto da visita - commenta Coldiretti regionale - anche per il nuovo progetto di legge regionale sull'agriturismo che verrà presentato domani dall'assessore all'Agricoltura, Tiberio Rabboni, nell'ambito del Sana, il salone del Naturale, che ha preso il via oggi a Bologna.

"Il progetto di legge regionale - afferma il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello - rispetto alla precedente legge, rafforza i legami con il territorio innalzando la quantità minima di prodotti dell'azienda, di prodotti tipici e biologici regionali dal 50 all'80 per cento".

 

"Si tratta - dice Carlo Pontini, presidente di Terranostra regionale, associazione di riferimento di Coldiretti, che rappresenta circa la metà degli 800 agriturismi dell'Emilia Romagna - di una scelta che valorizza i prodotti enogastronomici che hanno reso l'Emilia Romagna famosa nel mondo e rafforza la freschezza dei prodotti che per giungere sulla tavola degli agrituristi non hanno bisogno di percorrere lunghe distanze, anche perché il produttore agricolo che fa agriturismo ci mette la propria faccia e la propria professionalità".

 

Il numero di controlli effettuati dai Nas confermano la grande vigilanza cui vengono sottoposti i 17.500 agriturismi attivi in Italia, smentendo gli attacchi pretestuosi che parlavano di assenza di controlli

 

Le ispezioni dei carabinieri infatti hanno interessato 702 agriturismi, il 4 per cento del totale. Un numero di controlli molto alto - commenta Coldiretti - se si calcola che le stesse indagini nel settore della ristorazione hanno riguardato 2.065 esercizi (0,8% del totale) su oltre 260 mila ristoranti e alberghi (dati Istat) operanti in Italia. Dai risultati delle indagini risultano che agli agriturismi sono stati contestati 72 infrazioni penali e 410 infrazioni amministrative, contro 389 infrazioni penali e 1.942 infrazioni amministrative contestate ai ristoranti. I casi estremi di chiusura di strutture per motivi di tutela della salute, secondo l'indagine, hanno riguardato 30 agriturismi e 116 ristoranti.

 

"E' il segno - commenta Pontini - di controlli efficienti ed efficaci cui vengono sottoposti con uguale attenzione sia i ristoranti, sia gli agriturismi. Vale la pena sottolineare che questi ultimi per i pasti sono sottoposti ad analoghe normative e quindi uguali regole e parametri della ristorazione. In aggiunta a tutto questo, gli agriturismi sono però più controllati in quanto aziende agricole, in particolare per quanto riguarda la percentuale di prodotti aziendali somministrati nell'agriturismo. Oggi conclude Pontini, sulle aziende agrituristiche vigilano una molteplicità di enti che vanno da Comuni, Comunità Montane e Province, alle Aziende sanitarie (Asl), ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza e agli Ispettorati del lavoro".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del resto Coldiretti si è sempre espressa a favore della sicurezza e della trasparenza e proprio per questo, il 9 settembre ha sottoscritto un accordo di collaborazione con il Comando Carabinieri per la tutela della salute per combattere frodi e sofisticazioni e rafforzare la sicurezza alimentare dei cittadini consumatori.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -