Sicurezza: contro le rapine, bancari a scuola di Polizia

Sicurezza: contro le rapine, bancari a scuola di Polizia

BOLOGNA - Per prevenire le rapine, UniCredit Banca manda i Direttori delle sue agenzie di Bologna a ‘scuola di polizia'. L'Istituto di Credito e la Questura, infatti, hanno istituito un tavolo di confronto per analizzare i problemi di sicurezza legati all'attività quotidiana del personale in servizio all'interno delle filiali. Questo pomeriggio, quindi, presso la sala riunioni della sede della Direzione Generale di UniCredit Banca, via Zamboni 20, il Questore di Bologna, dott. Luigi Merolla, assieme al Dirigente della Squadra Mobile, dott. Fabio Bernardi, incontra il Direttore Commerciale Emilia Est-Romagna di UniCredit Banca, Stefano Rossetti, e i Direttori delle agenzie dell'Istituto a Bologna.

 

Il progetto intende incrementare lo scambio di informazioni tra Forze dell'Ordine e istituti bancari per trarre consigli utili dalle esperienze passate e per infondere ai dipendenti maggiore fiducia e sensibilità sul tema dell'emergenza criminalità.

 

Questi incontri testimoniano l'importanza della continuità e dello spirito di collaborazione con la Polizia e consentono di illustrare al personale bancario le misure più utili per prevenire i reati (siano essi rapine, furti e truffe a soggetti deboli, come gli anziani) o i comportamenti da tenere in caso di rapina (mantenere il più possibile la calma, concentrare l'attenzione sui dettagli dei malviventi per un eventuale identikit, non intervenire sulla "scena del crimine" per non alterare le impronte digitali o altri elementi utili alle indagini della polizia scientifica, chiamare le autorità anche al minimo sospetto di reato).

 

"Si tratta di un progetto in cui crediamo molto - afferma Stefano Rossetti, Direttore Commerciale UniCredit Banca Emilia Est Romagna - e che ha già dato i suoi frutti: di recente, proprio a Bologna, le segnalazioni dei dipendenti UniCredit Banca hanno contribuito ad aiutare le Forze dell'Ordine nello sventare tentativi di truffa o ad intervenire tempestivamente per verificare la presenza di individui sospetti nei pressi della filiale".

 

Il Gruppo UniCredit ha stanziato più di 33 milioni di euro, per il quadriennio 2007-2010, a favore del piano di sicurezza straordinario che prevede, tra l'altro, l'installazione di nuovi erogatori di contante che consentono ai cassieri di operare senza dover lasciare banconote incustodite. In questo modo si riducono le occasioni in cui il denaro è immediatamente disponibile e si disincentivano i potenziali rapinatori.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il piano straordinario prevede altresì l'installazione di un innovativo impianto di videosorveglianza a distanza presso alcune agenzie della Banca. Tale sistema prevede il monitoraggio dell'agenzia da parte di un operatore, in servizio presso una Centrale di Videosorveglianza del Gruppo UniCredit, che è in grado di lanciare l'allarme immediatamente in caso di rapina o di comportamenti sospetti da parte di terzi. In questo modo le Forze dell'Ordine sono in grado di definire rapidamente ed in maniera puntuale le modalità di intervento, così da garantire anche la piena sicurezza delle persone presenti in agenzia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -