SICUREZZA - Incidenti stradali, Oliviero Toscani firma la campagna regionale di prevenzione

SICUREZZA - Incidenti stradali, Oliviero Toscani firma la campagna regionale di prevenzione

L'immagine di due cani di stazza diversa, con la scritta “Pace e amore non hanno misura”, ha cominciato ad affacciarsi proprio in questi giorni lungo l'Autostrada del Sole: è la nuova campagna contro gli incidenti stradali e per la convivenza civile sulle strade firmata da Oliviero Toscani e realizzata da Regione Emilia-Romagna, Inail e Provincia di Modena. L’obiettivo è ridurre gli incidenti stradali, in particolare quelli che avvengono durante l’attività lavorativa.


Nel 2006 infatti, secondo i dati forniti dall’Inail, su 133mila incidenti denunciati in regione il 20% ha riguardato persone che svolgono la propria attività lavorativa proprio su strada, come, per esempio, gli autotrasportatori. A questo 20% bisogna poi aggiungere un altro 10%, riferito a incidenti avvenuti nel corso di spostamenti casa-lavoro, e viceversa.


Realizzata nell’ambito dell’Accordo di programma firmato da Regione Emilia-Romagna (Osservatorio regionale per l’educazione stradale e la sicurezza) d’intesa con l’Inail (Direzione regionale), in collaborazione con la Provincia di Modena, ha come obiettivo la riduzione del numero degli incidenti stradali che avvengono nel percorso casa-lavoro e, in particolare, nel corso dello svolgimento dell’attività professionale.


“La collaborazione tra Osservatorio regionale e Inail – ha sottolineato stamani l’assessore alla Mobilità e Trasporti della Regione Alfredo Peri, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa – ci consente di affrontare un tema di grande importanza come la sicurezza stradale concentrandoci, nello specifico, sul rapporto tra mezzo pesante e mezzo leggero. Questa è una prima fase sperimentale in cui abbiamo scelto di lavorare insieme alla Provincia di Modena, e quindi su una zona ad elevata intensità di traffico legato alle attività produttive. Non escludiamo – ha aggiunto Peri – di estendere l’iniziativa all’intera regione”.


Peri ha ricordato l’impegno della Regione per aumentare la sicurezza delle infrastrutture; “molto è legato però – ha concluso l’assessore – al comportamento di chi guida. Per questo è fondamentale sensibilizzare ed educare”.


“La campagna che è appena partita, con l’esposizione dei manifesti con l’immagine realizzata da Toscani in sei aree di servizio lungo l’Autostrada del Sole – ha spiegato Emanuela Bergamini Vezzali, presidente dell’Osservatorio – è l’inizio di una serie di interventi previsti dall’Accordo di programma firmato da Regione e Inail. Si tratta di un progetto sperimentale attivato nel modenese che arriverà presto anche a Bologna, per quanto riguarda la parte comunicativa”.


“Quella dei due cani, di stazza diversa, è un’immagine che vuol fare riflettere – ha ribadito Oliviero Toscani – : si può andare d’accordo pur essendo di dimensioni diverse”. Alla conferenza stampa erano presenti inoltre Aude Cucurachi (Inail Emilia-Romagna) Maurizio Guaitoli ed Egidio Pagani, rispettivamente assessore alle Politiche sociali e alla sanità e assessore alla Viabilità della Provincia di Modena.

La campagna di comunicazione


Due cani di stazza diversa, uno di fronte all’altro in atteggiamento amichevole, che si dicono vicendevolmente "amiamoci". Anche se diversi tra loro, i due non sono invidiosi né aggressivi, e condividono gli spazi comuni in modo equo e rispettoso: non così, purtroppo, succede sempre sulle strade. L'immagine, pensata da Toscani - è dagli anni '90 che il creativo collabora con l'Osservatorio per l'educazione stradale e la sicurezza della Regione con campagne quali ''Modello 4 pirla in meno'' (1993), contro le stragi del sabato sera, e ''Bambino-Uomo'' (1999) - invita al dialogo, al confronto, alla tolleranza, alla civiltà fra il piccolo (la macchina) e il grande (il camion). Oltre all’immagine anche uno slogan: “Quattro ruote, sedici ruote, sportivo veloce o lento e pesante gli opposti si attraggono. Pace e amore non hanno misura”.


La campagna di sensibilizzazione, partita proprio in questi giorni, prevede, oltre a spot su radio e tv locali, l’affissione di grandi manifesti in provincia di Modena e in prevalenza nell'area delle ceramiche (Sassuolo, Maranello, Campogalliano). Una delle aree, a livello regionale, con il più alto numero di incidenti stradali legati al lavoro e dove sono tantissimi i mezzi pesanti che circolano: circa 18mila automezzi al giorno. Altre affissioni sono previste in autostrada e precisamente nelle aree di servizio S. Zenone, Arda e S. Martino, sulla Bologna-Milano; Aglio sulla Bologna-Firenze; Peretola sulla Firenza-Roma.


La campagna di sensibilizzazione è solo l’inizio di una serie di interventi e iniziative previste dall’Accordo di programma, firmato dalla Regione e dalla Direzione Regionale Inail. Tra queste, l’acquisto e l’utilizzo di rilevatori mobili a microonde e l’installazione di spire rilevatrici fisse ‘annegate nell’asfalto’ al fine di un’implementazione di un sistema informativo territoriale dei flussi di traffico e della creazione di un sistema informativo cartografico sui flussi di traffico; l’installazione di dissuasori mobili e di segnaletica luminosa per abbassare la velocità di punta nei tratti più pericolosi; un’attività di formazione rivolta agli autotrasportatori e ai lavoratori in genere tesa a ridurre il numero degli incidenti stradali con il coinvolgimento diretto delle imprese di autotrasporto; l’organizzazione di un convegno internazionale; una campagna di controllo sui mezzi pesanti con l’ausilio del Centro mobile per le revisioni.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -