SICUREZZA - Morti bianche, Corradi (Lega): ''Aumentare assegno Inail per superstiti''

SICUREZZA - Morti bianche, Corradi (Lega): ''Aumentare assegno Inail per superstiti''

BOLOGNA - Nel 2007 il numero delle morti provocate da infortuni sul lavoro continua ad essere molto elevato. Malgrado la lieve diminuzione rispetto al 2006, nel corrente anno il numero delle morti bianche supererà comunque le mille unità; infatti, nei primi nove mesi del 2007 si sono già registrati 774 decessi, ed il dato è purtroppo destinato ad aumentare, poiché in alcuni casi l’Inail riconosce la causa lavorativa del decesso solo dopo una lunga istruttoria.


Dai dati Inail emerge che ogni giorno sono più di tre i decessi a causa di infortuni sul lavoro, ed i settori maggiormente colpiti sono l’edilizia, l’agricoltura, ed il settore metalmeccanico.

Una situazione assolutamente allarmante, resa ancora più grave dal fatto che solo in pochissimi casi le morti bianche sono determinate da tragiche fatalità; il più delle volte, infatti, sono dovute al mancato rispetto delle norme di sicurezza e/o a gravi distrazioni.

Il Consigliere Regionale della Lega Nord, Roberto Corradi, ha presentato una risoluzione nella quale sottolinea l’inadeguatezza dell’ “assegno funerario” che ad oggi viene erogato dall’Inail ai congiunti del lavoratore deceduto per infortunio. Tale assegno è finalizzato alla copertura delle spese funerarie ed ammonta a € 1.725,45.


Per Corradi: “Visti i tempi lunghi con cui l’INAIL inizia ad erogare il normale assegno vitalizio ai familiari dei lavoratori deceduti a causa di infortuni sul lavoro, ritengo necessario intervenire affinché venga aumentato l’importo del cd. “assegno funerario”, estendendone la finalità e trasformandolo in “sostegno economico urgente ai congiunti”. Ritengo altresì che occorra aumentare l’attuale importo dell’assegno (1.725 euro), trasformandolo in un importo variabile, destinato a crescere in base al numero dei figli a carico del coniuge superstite”.


Per queste ragioni il Consigliere leghista ha presentato una risoluzione per impegnare la Giunta Regionale: “ad intervenire presso il Governo affinché modifichi le finalità dell’attuale “assegno funerario”, trasformandolo in “sostegno economico urgente ai congiunti”; ed elevandone l’importo ad un minimo di € 5.000, incrementato di ulteriori € 2.000 per ogni figlio a carico successivo al primo”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -