SICUREZZA - Morti sul lavoro, approvato pdl a sostegno dei figli delle vittime

SICUREZZA - Morti sul lavoro, approvato pdl a sostegno dei figli delle vittime

La Commissione "Turismo Cultura Scuola Formazione Lavoro e Sport" ha approvato il Progetto di Legge presentato dal gruppo dei Comunisti Italiani, che si prefigge di istituire un fondo per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo dei figli di vittime di incidenti mortali sul lavoro. Voto favorevole dei consiglieri PD, SD, Pdci e Idv, astensione di FI-PDL e AN-PDL. Sono oltre 100 i morti sul lavoro, ogni anno, in questa Regione.


Le iniziative a carico del nuovo fondo regionale vogliono corrispondere, almeno in parte, alle gravi difficoltà vissute dai familiari delle vittime, i quali si vedono mancare una fonte di reddito, a volte l'unica: ciò può provocare la riduzione delle spese destinate ai servizi socio-educativi per la prima infanzia, all'istruzione e alla formazione, sacrificate a vantaggio di altre esigenze primarie. Il PdL prevede che la Regione sostenga i figli delle vittime con i redditi più bassi, per garantire il diritto allo studio e contrastare i rischi d'abbandono o dispersione.


Il testo si compone di 7 articoli e prevede che le risorse del fondo regionale possano essere integrate da entrate provenienti dallo Stato, da persone fisiche o giuridiche; potranno accedere al fondo i figli delle vittime che rispondano a precisi requisiti (non abbiano ancora 25 anni, il genitore sia residente in Emilia-Romagna al momento del decesso, il reddito del nucleo familiare non superi quanto indicato annualmente dalla Giunta regionale secondo i criteri ISEE). Sono finanziabili le tasse di iscrizione, le rette di frequenza, l'acquisto di libri di testo, l'acquisto di ausili scolastici per portatori di handicap, il servizio mensa, l'abbonamento al trasporto pubblico; le risorse del fondo sono destinate al rimborso delle spese sostenute e documentate per l'iscrizione e la frequenza a scuole e università pubbliche, pareggiate, parificate e private. Questi contributi potranno essere riconosciuti anche per gli eventi mortali verificatisi "in itinere", lungo i percorsi stradali verso il lavoro, a partire dall'entrata in vigore della Legge. Il PdL verrà iscritto alla prossima seduto dell'Assemblea legislativa

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -