Sicurezza, Muzzarelli: "Non abbassare la guardia"

Sicurezza, Muzzarelli: "Non abbassare la guardia"

BOLOGNA - «Sulla sicurezza nei luoghi di lavoro non si deve abbassare la guardia. Non abbiamo preclusioni di fronte a correzioni formali o a miglioramenti del testo unico sulla sicurezza, se tali modifiche sono rivolte a rafforzare la prevenzione e il controllo. Siamo, però, decisamente contrari a modifiche sostanziali che cambino l'impostazione di fondo del testo unico in materia». Lo ha sottolineato l'assessore alla programmazione e sviluppo territoriale della Regione Emilia Romagna Gian Carlo Muzzarelli commentando lo schema, proposto dal Governo nell'ultimo Consiglio dei Ministri, per le modifiche del decreto legislativo 81/2008 sulla "Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".


La Regione Emilia-Romagna nelle scorse settimane ha approvato una propria legge sulla sicurezza nei cantieri edili (legge regionale n. 2 del 2009) che punta a superare gli aspetti di criticità, sia quelli a committenza pubblica che privata, mettendo a frutto le numerose esperienze positive di accordi e progetti che hanno coinvolto le istituzioni, le rappresentanze economiche e sociali  nonché gli organismi bilaterali sviluppando con tutti i soggetti interessati un efficace modello di responsabilità sociale diffusa. La legge tiene conto di una filiera produttiva che presenta caratteristiche particolari e specifiche, soprattutto di natura organizzativa. Infatti è molto particolare struttura del mercato del settore dell'edilizia caratterizzato da numerose e piccole imprese. I dati Inail, relativi al 2007, evidenziano 12.466 incidenti sul lavoro denunciati in Emilia-Romagna nel solo settore edile (25 decessi e 745 inabilità permanenti) a fronte di quasi 102.000 in Italia (266 decessi e circa 7.250 inabilità permanenti).

 

«Già le prime indicazioni del provvedimento del Governo - ha aggiunto Muzzarelli - mostrano punti critici in particolare sulla diminuzione delle sanzioni, sul rischio che venga indebolita la presenza dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e su forme di semplificazione, pure utili, che però indeboliscano il processo di valutazione dei rischi. Nei  momenti di difficoltà occorre puntare sul lavoro e sulla sua sicurezza premiando  le imprese virtuose che operano nella legalità».

 

Le principali modifiche che vuole inserire il Governo riguardano: multe più leggere per le imprese, in alcuni casi più che dimezzate; eliminazione dell'ipotesi del solo arresto a favore di un sistema che privilegi l'applicazione di sanzioni, che prevedono l'alternativa tra arresto e ammenda; rimodulazione degli obblighi per il datore di lavoro; potenziamento del ruolo della bilateralità; introduzione di misure di semplificazione relative, per esempio, alle comunicazioni dell'Inail, modalità della formazione e utilizzo del libretto formativo del cittadino, e procedure e condizioni di operatività dello strumento della sospensione dell'attività imprenditoriale.

 

 

LA LEGGE REGIONALE SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI


La legge regionale prevede strumenti di incentivazione economica a favore dei committenti che affidano i lavori ad imprese o qualsiasi altro soggetto esecutore dei lavori, quindi anche per i lavori in subappalto, che svolgano la loro attività secondo principi di responsabilità sociale: risorse a chi investe in ulteriori standard di sicurezza prevedendo anche accordi con enti competenti per benefici assicurativi e previdenziali. 


Inoltre la Regione promuove accordi con gli istituti di credito e con le associazioni di rappresentanza delle imprese, per agevolare l'accesso al credito per le imprese che investono in maggior sicurezza nei cantieri.


Novità anche per i Comuni: infatti per interventi di manutenzione e nuove realizzazioni di privati, la Regione stabilirà indirizzi rivolti ai regolamenti urbanistici ed edilizi per una maggior sicurezza nell'esecuzione di interventi, in particolare la manutenzione qualora comporti lavorazioni particolarmente pericolose.


Per quanto riguarda il coordinamento si prevede una messa in rete delle diverse esperienze positive di enti locali, Ausl, Direzione regionale del Lavoro, Inail, Inps, Ispesl, sindacati e associazioni economiche. Mentre saranno aumentati e maggiormente  coordinati i controlli sui cantieri anche con l'utilizzo delle tecnologie informatiche per una maggiore efficacia ispettiva.


È prevista una maggiore attività formativa (ed informativa) di prevenzione ai lavoratori, agli imprenditori edili e ai soggetti che intendono intraprendere l'attività di impresa edile, al personale addetto alla vigilanza dei cantieri, ma anche ai progettisti e esecutori delle opere edili.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -