Sicurezza stradale, giro di vite del Governo

Sicurezza stradale, giro di vite del Governo

ROMA – Sanzioni più severe per chi viola il codice della strada. Il Consiglio dei ministri ha infatti dato il via libera del disegno di legge promosso dal ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi in materia di sicurezza stradale.


Il testo, che verrà recepito in un disegno di legge, e non più in un decreto come era inizialmente previsto, segue di una settimana l'approvazione dell'atto di indirizzo che traccia le linee di un piano di intervento molto più ampio e articolato.


Nel decreto-Bianchi spicca un forte inasprimento delle sanzioni, con multe per migliaia di euro in caso di recidività entro due anni. Vengono rivisti anche i tempi di sospensione della patente e la tabella dei punti-patente.


''Abbiamo previsto limitazioni per i neopatentati - dice il ministro - per i primi 3 anni dal conseguimento della patente non potranno guidare auto con un rapporto peso-potenza superiore a 60 KW. Inoltre non potranno superare alcuni limiti di velocità su strade extraurbane e autostrade''.


I giovani automobilisti, dunque, non potranno condurre auto potenti e dovranno velocità, che è la causa principale degli incidenti stradali. “Abbiamo inasprito le sanzioni – aggiunge il ministro - per chi guida con in mano il telefonino o con una mano sola per azionare la radio o strumenti elettronici''. Interventi anche “nella guida professionale di automezzi commerciali, inasprendo le sanzioni per chi altera i libretti sui riposi alterando quindi le ore di guida''.


A chi fa conversione in autostrada o su strade extraurbane ad alto scorrimento - dice Bianchi - sarà revocata la patente di guida. Sanzioni più pesanti anche per chi non rispetta la precedenza negli attraversamenti pedonali, in particolare per persone disabili o non vedenti''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte della prevenzione, il ministro dell’Interno, Giuliano Amato, ha detto che “Puntiamo a raggiungere già nel 2007 un milioni di controlli sulle strade. I giovani devono sapere che se bevono e poi si mettono alla guida, saranno 'beccati'”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -